Il sindaco di Sirte condanna i raid aerei dell’LNA

Il sindaco della città di Sirte, Mukhtar Al-Madani, ha condannato domenica i raid aerei in diverse zone della municipalità, tra cui Al-Qardabiya e il progetto sul fiume artificiale.

“Sirte prende le distanze dalle rivalità politiche e dai conflitti armati”, ha affermato il sindaco in una nota diffusa ieri sera, in cui esprime apprezzamento per il gruppo Al-Bunyan Al-Marsous, le cui operazioni hanno portato alla liberazione della città, dai jihadisti di Daesh, nel 2016. La Sirte Protection Force ha denunciato che “un aereo straniero a supporto di Haftar aveva preso di mira le sue posizioni all’alba di domenica per il terzo giorno consecutivo”.

Fonti militari sostengono che i raid aerei siano stati condotti per impedire l’organizzazione di un attacco armato da parte di gruppi islamisti ricollegabili ad Ibrahim Jadhran, già inserito nelle liste delle sanzioni delle Nazioni Unite per gli eventi nella mezzaluna petrolifera dell’anno scorso.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: