Salamé fa il punto della situazione in Libia al Consiglio di Sicurezza

Il capo della Missione di Supporto delle Nazioni Unite in Libia (UNSMIL), Ghassan Salamè, ha fatto il punto della generale situazione in Libia in collegamento da Tripoli con il Consiglio di Sicurezza. Salamé ha aperto il suo discorso parlando della regione meridionale, ha ricordato ai membri del Consiglio che “il Sud rimane il cuore vulnerabile della Libia, che comprende quasi 1 milione di chilometri quadrati di terra. La fonte di gran parte della ricchezza naturale della nazione, attraverso la sua acqua e il suo petrolio, è stata tristemente trascurata. Nonostante anni di promesse per affrontare la situazione, le condizioni si stanno deteriorando ad un ritmo allarmante. Ho avuto l’opportunità di visitare il capoluogo della regione, Sabha, solo pochi giorni fa in quella che è stata la prima visita di un inviato speciale a sud dal 2012.  Ho ascoltato in prima persona i cittadini che hanno parlato in modo commovente delle terribili sofferenze che subiscono, dalla sfrenata brutalità del Da’esh camminando attraverso laghi di fogna che si sono creati a causa della mancanza di investimenti in infrastrutture pubbliche di base”.  Salamè ha poi ricordato la mancanza di controllo dei confini che è venuto a mancare dal 2011. “Aggiungete a ciò – ha proseguito – l’insicurezza posta da confini completamente porosi e la presenza di mercenari stranieri e criminali comuni che predano sia i cittadini che i migranti. Molti mi hanno detto che avevano paura di vedere la loro famiglia uscire di casa dopo il tramonto. Esorto il governo e la comunità internazionale a muoversi rapidamente e in modo deciso a sostegno del Sud. La missione ha creato una task force specifica per affrontare la situazione. Le agenzie faranno il loro dovere aiutando, ma sono le autorità libiche che devono assumersi l’onere. C’è un costo per questa inazione. La rabbia dei sudisti si è purtroppo tradotta in attacchi contro condutture idriche e strutture petrolifere, che danneggiano lentamente la ripresa economica della Libia”.

Migranti, giornalisti e membri della magistratura detenuti

Se il Sud è la priorità la situazione non è migliore nel resto del Paese. “Mentre il Sud è un caso acuto – ha osservato Salamè – guai simili e l’incapacità di alleviarli nonostante i ripetuti impegni, affligge l’intera Libia. Tutti i libici hanno difficoltà ad accedere ai servizi pubblici. Prigionieri detenuti, migranti, giornalisti, membri della magistratura, solo per citarne alcuni, sono soggetti ad abusi e violenze per mano di gruppi armati. Molte migliaia vivono con preoccupazioni umanitarie”. 

I civili continuano a vivere nella paura di conflitti violenti 

Tripoli – ha sottolineato – dopo mesi di calma derivati ​​dall’accordo di cessate il fuoco di settembre, è stata due giorni fa ancora più scossa da scontri rinnovati. Abbiamo lavorato a stretto contatto con tutte le parti per impedire che le violazioni del cessate il fuoco possano andare oltre. Per ora, le violazioni sono state contenute. La guerra a  Derna non è finita. I civili sono stati uccisi nel conflitto, le famiglie sfollate e le case saccheggiate. L’accesso umanitario incondizionato, senza impedimenti e duraturo, ai civili colpiti nella città vecchia è essenziale, ma negato. Civili, tra cui donne e bambini sono stati arrestati e detenuti nelle strutture di detenzione, senza accuse. Nel frattempo, il Libyan National Army (LNA) ha iniziato il movimento verso sud, oltre le posizioni che avevano prima. Ovunque ci siano combattimenti, le parti devono prendere tutte le misure per proteggere i civili e le strutture civili e aderire al Diritto Internazionale Umanitario e ai Diritti Umani. Dove non lo fanno, ci assicureremo nel tempo che affrontino le conseguenze”.

Ci sono germogli verdi

L’Alto Rappresentante ha poi richiamato l’attenzione dei membri del Consiglio sui progressi raggiunti. “Negli ultimi mesi – ha commentato – abbiamo visto alcuni progressi negli sforzi per stabilizzare il paese e migliorare la vita del popolo libico. Il Governo d’Accordo Nazionale ha continuato a nominare nuovi ministri, più recentemente ai portafogli vitali della sanità e della governance locale. Questo gabinetto rimodellato ha migliorato la nostra portata per supportare l’erogazione e la riforma dei servizi. Stiamo esaminando i vari ministeri e decidendo come possiamo, con gli Stati membri, aiutarli ulteriormente nei loro sforzi di riforma e consegna. Il cessate il fuoco negoziato tra i principali attori armati a settembre rimane in vigore, anche se deve essere costantemente curato. Il ministro dell’Interno ha lavorato duramente per far avanzare le disposizioni sulla sicurezza di Tripoli che sostengono il fragile cessate il fuoco. La Missione ha prestato assistenza tecnica al nuovo comitato per le misure di sicurezza e allo sviluppo di un Centro operativo congiunto incaricato di coordinare l’attuazione del Piano di sicurezza Greater Tripoli. Mentre resta ancora molto da fare, queste iniziative hanno contribuito a riportare la calma in città”. Più in generale, c’è un imperativo per migliorare la sicurezza in tutto il paese. I terroristi colpiscono in varie città, di recente con l’attacco di Daesh del 25 dicembre al Ministero degli Affari Esteri a Tripoli. Gli scontri sporadici si diffondono ancora in tutto il paese, poiché molte forze dell’ordine rimangono nelle mani di gruppi armati, non di funzionari della sicurezza professionale”. 

Anche qui, c’è speranza

“Il mese scorso – ha aggiunto – ho assistito all’inaugurazione dell’Accademia di Polizia ristrutturata, e proprio questa settimana ero alla base di una stazione di polizia modello che si basa su un sistema di polizia orientato alla comunità e al cittadino. Sono in corso sforzi per addestrare centinaia di poliziotti e polizia giudiziaria. Stiamo lavorando a stretto contatto con le autorità libiche per trasferire il controllo delle carceri, da gruppi armati a professionisti addestrati sotto il controllo del Ministero della giustizia. Stiamo anche premendo il governo per affrontare il rilascio di civili detenuti in carcere senza accusa né processo. Ci è stato detto che centinaia sono stati rilasciati e sono stati presi in considerazione i casi di molti altri”. 

L’economia ha continuato a stabilizzarsi

Il prezzo del mercato nero del Dinaro libico contro il dollaro USA è crollato a causa delle misure economiche annunciate lo scorso settembre. La differenza tra il tasso di cambio ufficiale e il tasso di cambio del mercato nero si è ridotta significativamente. Mentre il tasso parallelo che era di 10 dinari rispetto al dollaro un anno fa, oggi si attesta a 4,3 dinari al dollaro e dovrebbe scendere ulteriormente. Ciò ha avuto un impatto economico palpabile sulla vita di molti nel paese. L’inflazione si è stabilizzata ei prezzi delle materie prime sono calati sensibilmente, in un paese che importa una parte enorme delle sue necessità in valuta forte, i prezzi sono diminuiti a volte del 40%.  La crisi di liquidità è stata finalmente combattuta. Nella maggior parte, se non in tutte, città e villaggi, le lunghe code di persone in piedi per giorni fuori dagli sportelli automatici per ottenere una magra frazione delle loro attività sono ormai alle nostre spalle. “Sia i ministeri delle finanze che quelli dell’economia stanno ristrutturando e riesaminando il loro personale per consentire loro di svolgere meglio i loro ordini del giorno”. Ha detto Salamé, aggiungendo che “i consulenti per i reati finanziari vengono impiegati dai nostri partner nell’Unione europea. Grazie al governo tedesco, lo staff della Banca centrale libica sta ricevendo formazione tecnica dai funzionari della Bundesbank. Gli sforzi per condurre un audit della Banca centrale stanno procedendo a pieno ritmo. Abbiamo facilitato un accordo tra la Banca centrale e la succursale di Al-Baida sui termini per la revisione contabile, che stiamo supervisionando. L’audit finanziario comporterà un ampio riesame del bilancio e delle operazioni finanziarie dalla divisione istituzionale nel 2014 e la formulazione di raccomandazioni per il seguito. Questo è un passo importante verso l’unificazione dell’istituzione”. La produzione di petrolio è stata di oltre un milione di barili al giorno, portando le entrate necessarie al tesoro. Le turbolenze nei campi del Sud per la mancanza di servizi alla regione hanno, purtroppo, portato a recenti riduzioni della produzione. È essenziale che tali rimostranze vengano affrontate senza ricorrere alla minaccia per l’economia nazionale. “Sono necessari molto più tempo e lavoro per creare un’economia prospera, resiliente e trasparente che la Libia abbia bisogno – ha aggiunto, proseguendo – la Missione si è riorganizzata per supportare meglio questa trasformazione. C’è ora un’unità nell’ufficio del mio vice rappresentante speciale per gli affari politici, impegnata a far avanzare questa agenda e sta lavorando a stretto contatto con le istituzioni finanziarie internazionali interessate”.

Noi dobbiamo essere nel Paese.

“Per rafforzare tutti i fronti degli sforzi di supporto delle Nazioni Unite – ha ribadito Salamé – abbiamo restituito la Missione in piena forza alla Libia. Mi aspetto di riaprire finalmente il nostro ufficio a Bengasi alla fine di questo mese. Abbiamo trasferito la maggior parte del nostro staff in patria. Se i permessi di sicurezza, mirano a riaprire il nostro ufficio nel Sud quest’anno. È vitale che siamo qui, in Libia. Oltre a tutto quanto sopra, dedichiamo sforzi enormi per prevenire i conflitti. In un paese così finemente frammentato, ogni giorno porta con sé nuove divisioni che devono essere chiuse e nuove potenziali violenze da fermare. La vita di un SRSG è anche quella di un vigile del fuoco, e gli incendi sono molti che devono essere estinti. Chiaramente, questo non può essere fatto dall’estero, noi dobbiamo essere qui”.

Conferenza Nazionale

Per quanto concerne la Conferenza Nazionale, già annunciata durante la Conferenza di Palermo, Salamé ha spiegato che “persino il meglio degli sforzi, senza una leadership nazionale unita e concertata, andrà così lontano. I vari guadagni che ho descritto sono fragili e reversibili. In questo ambiente politico, alla fine si romperanno. I predatori troveranno modi per aggirare le riforme economiche. Gli attori sceglieranno la violenza sulla politica. I recenti eventi di Tripoli ne sono un esempio lampante. Possiamo combattere gli incendi, ma alla fine ci sarà un inferno che non può essere estinto. E così, dobbiamo andare oltre e affrontare le disfunzionalità sottostanti dello stato libico. Lo stallo politico in Libia è stato sostenuto da una complessa rete di interessi ristretti, da un quadro giuridico infranto e dal saccheggio della grande ricchezza della Libia. Solo i libici stessi possono tracciare un percorso da questo malessere, verso la stabilità e la prosperità. Nel corso dell’ultimo anno, abbiamo ricevuto crescenti richieste di facilitare una Conferenza nazionale per consentire loro di fare proprio questo. Nelle prossime settimane, cercheremo di farlo. I libici di tutto il paese, donne e uomini, si raduneranno in un posto e decideranno come la nazione dovrebbe procedere fino alla fine della transizione. Data la criticità dell’evento, è fondamentale che la Conferenza nazionale si svolga nelle giuste condizioni, con le persone giuste, e che sia in grado di concludere con un risultato che è gradito alla grande maggioranza. Lavoriamo giorno e notte per riunire questi vari elementi per garantire l’evento più produttivo. Una volta che gli attori principali hanno concordato gli ingredienti essenziali per un nuovo consenso su un’agenda nazionale per ricostruire uno Stato civile libico capace e unito, saremo pronti a dichiarare la data e il luogo esatto. Sono incoraggiato dall’impegno che questi libici hanno espresso nei confronti di una nuova agenda nazionale e del loro approccio lungimirante. È tempo che la classe politica risponda a queste chiamate quotidiane”.

Elezioni

“È indiscutibile che i cittadini della Libia desiderano avere elezioni al più presto possibile”. Ha ammesso Salamè di fronte alle Nazioni Unite. “Un risultato chiave della Conferenza nazionale deve essere la definizione del percorso elettorale in anticipo. La Commissione elettorale sta lavorando per garantire che siano presenti aspetti tecnici per qualsiasi evento elettorale – compreso un referendum sul progetto costituzionale. Prendiamo atto delle discussioni tra la Commissione e la Camera dei Rappresentanti in merito alla legislazione sui referendum e, come sempre, incoraggiamo un impegno costruttivo. Prima di ogni elezione, devono essere affrontate le preoccupazioni principali. Fondamentalmente, ci deve essere un genuino sostegno politico per qualsiasi elezione venga condotta e garantisca che i risultati saranno accettati e rispettati da tutti. È richiesto un finanziamento. Le disposizioni di sicurezza per gli eventi elettorali devono essere determinate. I servizi pubblici devono funzionare. Se gli attori dello status quo si impegnano veramente nella Conferenza nazionale, credo che molto di ciò possa essere affrontato più facilmente. Le elezioni municipali sono un elemento importante della democrazia di base e hanno fornito un test incoraggiante per le elezioni nazionali. Dopo il successo dei sondaggi condotti a Zawiya, Derj e Bani Walid, accolgo con favore l’inizio della registrazione degli elettori il 12 dicembre per circa altre 60 elezioni del Consiglio comunale, con i sondaggi programmati a partire dal marzo 2019″.  

Ci saranno quelli che cercano di minare la Conferenza Nazionale e i suoi risultati

Ghassan Salamé ha avvertito i membri del Consiglio che “ci saranno quelli che cercano di minare la Conferenza Nazionale e i suoi risultati; in particolare le persone che sperano di ritardare le elezioni in modo che possano rimanere ai loro posti. Gli interessi in competizione sono naturali; tuttavia, non dovrebbero minare la ricostruzione dello stato e la riunificazione istituzionale. Senza il sostegno concertato della comunità internazionale, gli spoiler saboteranno il processo politico e annulleranno qualsiasi progresso compiuto. Se ciò dovesse essere consentito, i progressi della Libia arriveranno indietro di anni e quasi certamente apriranno la porta a coloro che credono che ci sia solo una soluzione marziale per i problemi della Libia. Le attività vitali di antiterrorismo continueranno a essere ostacolate senza che la costruzione dello stato sia veramente efficace. Il vostro sostegno ai nostri sforzi e chiari segnali di risoluzione verso i molti potenziali spoiler sono vitali. A portata di mano, hai l’opportunità di fare della National Conference un successo, e le elezioni municipali, parlamentari e presidenziali sono una realtà. Con tutto ciò, favorire la trasformazione della Libia in uno stato stabile e sicuro basato su organismi unificati e istituzioni democraticamente elette”.

 

Annunci

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: