Serraj incontra la “rabbia del Fezzan” e riapre il campo di El-Sharara

Di Vanessa Tomassini.

Il presidente del Consiglio del Governo di Accordo Nazionale, Fayez al-Serraj, ha fatto visita mercoledì alla regione meridionale per incontrare i giovani del movimento “la Rabbia del Fezzan“, coordinato da Bashir Sheik. Serraj è arrivato ad Ubari, dove ha sede il campo petrolifero di El-Sharara, chiuso dall’8 dicembre scorso, accompagnato dai membri della Camera dei Rappresentanti, dal presidente della società di gestione dell’elettricità, Abdul Majid Hamzah, dal vice comandante della guardia degli impianti petroliferi, Mohammed Lafi, e dal Sottosegretario del Ministero delle Finanze, Abu Bakr Alajafal. In un comunicato rilasciato a termine dell’incontro, con i rappresentanti del movimento ed alcuni ufficiali militari della regione, il Consiglio presidenziale ha annunciato la riapertura del giacimento per cui la National Oil Company (NOC) aveva dichiarato lo stato di forza maggiore.

FB_IMG_1545290402939
A destra, il coordinatore Bashir Sheik

Il presidente al-Serraj ha espresso comprensione per il movimento, ascoltando le motivazioni che hanno suscitato la protesta ed ha definito le richieste del gruppo come legittime. Ha assicurato ai giovani che il Governo di Accordo Nazionale inizierà a lavorare da subito affinchè tutte le loro domande vengano soddisfatte, partendo dalla manutenzione delle centrali elettriche, dalla realizzazione di strade e collegamenti, nonchè per quanto concerne la fornitura di liquidità alle banche meridionali da parte della Libyan Central Bank. Il coordinatore del movimento, Bashir Sheik, ci ha detto che “il presidente ha promesso che le richieste più urgenti verranno soddisfatte entro una settimana, mentre il resto entro un periodo di 45 giorni”, aggiungendo che “se ciò non avverrà, chiuderemo nuovamente il campo senza ulteriori discussioni“. Il capo del Consiglio presidenziale ha anche ricordato le misure adottate fino ad oggi, nel quadro della campagna nazionale per salvare il sud, lanciato a metà novembre.

FB_IMG_1545290437042
Fayez al-Serraj ascolta le richieste del movimento La Rabbia del Fezzan ad Ubari, nei locali del campo petrolifero di el-Sharara gestito da Akakus

 

 

 

Annunci

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: