Abu Dhabi. Raggiunto un accordo per sollevare la forza maggiore a Sharara

Il Presidente della National Oil Corporation (NOC), Mustafa Sanalla, ha incontrato oggi il presidente del Consiglio del Governo di Accordo Nazionale, Fayez al-Sarraj, ed i rappresentanti della comunità internazionale ad Abu Dhabi, con la richiesta di discutere le misure necessarie per sollevare la forza maggiore nel giacimento petrolifero di Sharara. Tutte le parti hanno espresso il desiderio di risolvere rapidamente la crisi e riavviare la produzione il prima possibile. Sanalla ha ribadito il suo desiderio di riprendere la produzione e che la forza maggiore verrà revocata quando tutti i membri delle milizie armate “civili” lasceranno il campo. Sanalla ha sottolineato la politica di tolleranza zero di NOC nei confronti dell’estorsione e ha insistito affinché tutte le misure per risolvere la crisi si svolgano nel quadro del diritto nazionale e internazionale. Nonostante tutte le parti interessate non siano presenti alla riunione, NOC sta cercando assicurazioni dal Comando Generale dell’Esercito Nazionale Libico che tutti i mandati di arresto in sospeso saranno scontati e che le parti indagate saranno rimosse dal campo.
Secondo Sanalla: “Le garanzie e gli accordi di sicurezza annunciati in precedenza nel sito devono essere implementati per prevenire ulteriori atti di aggressione e violenza contro i lavoratori del settore petrolifero in Libia. In nessun caso saranno tollerate future minacce allo staff”.

Annunci

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: