E’ ora che la Turchia smetta di supportare il terrorismo in Libia

Di Ali Ahmed.

Il presidente della Camera dei Rappresentanti, Aguila Saleh Issa, ha risposto senza mezzi termini alle recenti dichiarazioni dell’inviato di Erdogan, Emrullah İşler, che aveva affermato che i tentativi di Haftar di conquistare il paese attraverso le operazioni militari nel sud sono una violazione dell’accordo politico firmato a Skhirat. Il presidente del parlamento libico ha definito le parole di Isler “una palese ingerenza negli Affari Interni libici, nonchè un attacco alla sovranità della Libia”. Aguila Saleh ha accusato la Turchia di continuare a minare il processo politico libico verso la stabilità, non solo con le parole, ma sprattutto attraverso il supporto finanziario, logistico e armamentario ai gruppi terrorisitici in Libia, ricordando gli eterogenei carichi di armi fermati dalle autorità greche e libiche. “E’ ora che la Turchia smetta di supportare i terroristi ed inizi ad appoggiare il popolo libico”. Ha detto il presidente della Camera, ricordando che le spedizioni di armi sequestrate dalla marina navale ellenica e dalle autorità libiche sarebbero servite ai terroristi per uccidere i libici. Il capo del Parlamento ha invitato lo stato islamico di Erdogan ha cambiare immediatamente atteggiamento e a smettere di minare la sicurezza nel Paese nordafricano.

Annunci

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: