98 membri della Camera esprimono le loro aspettative per la Conferenza di Palermo

Di Vanessa Tomassini.

Mentre cresce l’attesa per il vertice dei vertici, la Conferenza per la Libia organizzata dall’Italia per il 12 e 13 novembre a Villa Igiea a Palermo, novantotto membri della Camera dei Rappresentanti hanno espresso le loro aspettative in una lettera indirizzata al Rappresentante Speciale delle Nazioni Unite, Ghassan Salamè. Nella missiva, qui pubblicata integralmente, i Rappresentanti del Parlamento libico di Tobruk hanno sottolineato che la sovranità della Libia e l’integrità dell’indipendenza del suo territorio è una delle costanti nazionali che non possono essere abbandonate, per questo sperano che la Conferenza di Palermo possa mettere fine e chiarire la posizione degli innumerevoli interventi stranieri che hanno ostacolato gli sforzi fatti verso una soluzione della crisi libica.

I deputati hanno poi ribadito che la Camera dei Rappresentanti e l’Alto Consiglio di Stato  sono gli unici due organismi autorizzati a ri-assegnare una nuova presidenza del paese, ricordando i recenti accordi raggiunti per riformare il Consiglio Presidenziale, attualmente guidato da Fayez al-Serraj. A tal proposito, la lettera esorta i membri del Consiglio di Presidenza del Governo di Accordo Nazionale, nonchè tutti i partiti politici, a rispettare le decisioni prese dalla Camera dei Rappresentanti e dall’Alto Consiglio affinchè la riunione internazionale di Palermo sostenga il processo di unificazione delle istituzioni.

Annunci

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: