Di Vanessa Tomassini.

La situazione è evoluta durante la notte dopo la ripresa degli scontri nella periferia sud di Tripoli. Nuovi attori si sono aggiunti ai feroci conflitti tra la Settima Brigata, la Guardia Presidenziale ed il Battaglione dei Rivoluzionari di Tripoli (TRB), che hanno terrorizzato i civili nelle zone della Spring Valley, Ain Zara, Furjan e Salah al-Din. Ieri sera Salah Badi, ex membro del primo parlamento rivoluzionario libico e comandante del gruppo armato Fajr Libia di Misurata, responsabile della distruzione dell’areoporto internazionale nel 2014, ha minacciato di mettere a ferro e fuoco la capitale mentre si muoveva nella zona di Tajoura. Fonti del posto hanno riportato movimenti di milizie verso la capitale anche da Zintan, negati dal sindaco Mustafa al-Baroni.

Nella notte Haytham al-Tajouri, capo del TRB, ha minacciato coloro che osano attaccare la sicurezza a Tripoli, mostrando i suoi “negozi di armi”, con attrezzatura sofisticata che comprende lancia razzi ed artiglieria pesante.

2-3

Diversi gli attacchi politici al Consiglio Presidenziale di Fayez al Serraj, a capo del Governo di Accordo Nazionale. Ieri 80 parlamentari della Camera di Tobruk, il parlamento orientale,  hanno firmato una nozione di sfiducia nei confronti di Serraj, incapace di garantire sicurezza ai suoi cittadini e colpevole di aver supportato in questi anni gli stessi gruppi che oggi minacciano Tripoli.

Il consiglio locale di Sabratha ha emesso una dichiarazione che invita il governo ad assumersi le proprie responsabilità e a correggere urgentemente il corso degli eventi. La municipalità di Misurata ha rinnovato la sua condanna per l’uso della forza, come modalità per risolvere i problemi. Al momento sono in corso diverse trattative tra i dignitari della regione occidentale, facilitati dal Consiglio delle Tribù per la riconciliazione. Proprio ora sembrerebbe sia stato raggiunto un altro accordo per una tregua di 72 ore.

L’impressione di chi segue la scena libica è che il conflitto in corso sia stato inevitabile, se non voluto, per giungere all’eliminazione delle milizie non governative, che hanno fatto di Tripoli per lungo tempo il loro porto sicuro, influenzando le decisioni, i contratti nonchè la vita delle istituzioni statali.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...