Ancora terrore nel complesso del fiume artificiale di Tazirbu

Un gruppo di uomini armati ha lanciato un attacco al sito del fiume artificiale di Tazirbu, nel distretto di Kufra. Secondo il racconto dei lavoratori, gli incurori avrebbero portato via apparecchiature, telefoni, ma anche medicine e cancelleria. 

Il comune di Tazirbu, piccolo centro che prende vita nell’oasi del deserto libico, ha condannato duramente l’attacco da parte del “gruppo armato fuorilegge”, chiedendo alle autorità di sicurezza di assicurare un’adeguata protezione alla struttura del fiume articificiale affinchè simili attacchi non si repetano più. 

Lo stesso complesso era stato al centro di un altro attacco lo scorso 7 luglio, quel giorno l’ingegnere Hesham Mahmoud Hashim ed il responsabile della protezione dell’impianto, Hussein Ibrahim al-Zwei sono rimasti uccisi.

 

Annunci

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: