Salamè: “stiamo lavorando per creare fiducia tra le parti”

Durante il suo briefing al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite di ieri, il rappresentante speciale del segretario generale Onu in Libia, Ghassan Salamè ha spiegato che in risposta alla richiesta di tregua del 29 luglio, “vi è stata una risposta esplicita e positiva da parte del Governo di Accordo Nazionale, nonché una risposta positiva sebbene unilaterale e condizionata dal generale Haftar. Come risultato della tregua, vi fu una sostanziale riduzione della violenza lungo i fronti principali nel sud di Tripoli e altrove. Ci sono state certamente alcune violazioni, ma a grandi linee, la tregua si è protratta per la durata dei festeggiamenti dell’Eid”.

Secondo il capo dell’Unsmil, “nonostante la successiva ricaduta nella violenza, è stato stabilito il principio che entrambe le parti possono impegnarsi in una tregua prolungata e senza dubbio l’ampio e pubblico sostegno della comunità internazionale ha svolto un ruolo importante nella pausa dei combattimenti. Stiamo lavorando per sviluppare la tregua di Eid al Adha attraverso misure di rafforzamento della fiducia per stabilire un cessate il fuoco più profondo e più prolungato. Quando si verificherà un tale cessate il fuoco, sarà necessario che sia sufficientemente robusto da consentire la stabilità a beneficio dei libici e un ritorno al processo politico. A tale proposito, incoraggerei il Consiglio a prendere in considerazione l’aggiunta di una disposizione al mandato della Missione per consentire un sostegno scalabile al cessate il fuoco per qualsiasi forma di ulteriore tregua o cessazione delle ostilità concordata tra le parti”.

La violenza in Libia è aggravata dalla fornitura di ulteriori armi, munizioni e materiale bellico nel paese. Le violazioni dell’embargo sulle armi sono state sia di routine sia spesso palesi da entrambe le principali parti in conflitto e dai rispettivi Stati membri sponsor. Secondo quanto riferito, il gruppo di esperti Onu sta indagando su oltre 40 casi di varia entità, nonostante la mancata collaborazione da parte della maggior parte degli Stati membri nel ricercare i colpevoli. “È purtroppo vero – ha sottolineato Salamè – che l’embargo sulle armi è inefficace dal 4 aprile 2019 e che non ci sono state interdizioni o ricerche condotte in mare, nonostante tali attività siano state autorizzate dalla risoluzione 2473. Il recente arrivo riferito di migliaia di mercenari nel paese rischia l’ulteriore estensione ed escalation del conflitto”.

“Continuiamo a mobilitare il sostegno nazionale e internazionale per un’ulteriore cessazione delle ostilità e un rinnovato dialogo. Dopo un lungo tour nell’est del paese, il mio vice politico ha recentemente visitato Misurata come parte del nostro impegno con le comunità in tutta la Libia. Poiché la fatica da combattimento è diventata più diffusa sul campo, stiamo lavorando per creare fiducia tra le parti. Nonostante la retorica bellicosa e la forte polarizzazione nel paese, c’è un sostegno popolare per la fine della violenza, anche da parte dei combattenti reali. In effetti, i combattenti a volte sono più sensibili all’idea di porre fine al conflitto di alcuni politici. Le misure di rafforzamento della fiducia tra i diversi gruppi coinvolti nel conflitto includono: lo scambio di prigionieri e lo scambio dei corpi delle vittime”. Ha proseguito aggiungendo di aver avviato parallelamente un’intensa campagna con le parti interessate internazionali al fine di raggiungere il consenso per un incontro internazionale delle parti interessate che contribuirebbe – attraverso un messaggio inequivocabile – a porre fine al conflitto e riprendere il processo politico.

Per sostenere questo obiettivo, Salamè ha visitato Germania, Malta, Emirati Arabi Uniti, Turchia, Tunisia e due giorni fa ha avuto discussioni lunghe e costruttive con i principali funzionari del Cairo. “Intendo continuare il mio tour nei prossimi giorni a partire dal Maghreb arabo. Sono particolarmente grato per il messaggio forte del gruppo di 7 grandi potenze che chiede una conferenza internazionale che riunisce tutte le parti interessate e gli attori regionali pertinenti al conflitto in Libia, nonché per il riconoscimento che solo una soluzione politica può garantire la stabilità della Libia . Resta abbondantemente chiaro che senza l’impegno dei principali attori esterni impegnati in Libia, il conflitto continuerà”. Ha avvertito l’inviato Onu.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: