NOC, Obari e Tuareg concordano: sicurezza essenziale per risolvere i problemi regionali

Lunedì il presidente della National Oil Corporation (NOC), Mustafa Sanalla ha incontrato una delegazione di alto livello dal sud del paese presso la sede della NOC a Tripoli. Alla riunione hanno partecipato, tra gli altri, Fatma Souwii, membro del Parlamento per la regione meridionale, attivisti della società civile di Obari, membri del Consiglio sociale dei Tuareg ed alcuni rappresentanti del movimento per il Fezzan. Presente anche Khalifa Abdel Sadok, presidente del comitato di gestione della Zallaf Libya Exploration and Production Oil & Gas Company. Le discussioni si sono concentrate sulla necessità di migliorare la sicurezza regionale e la condanna di coloro che minacciano di chiudere i giacimenti petroliferi locali.

La delegazione in visita ha offerto le condoglianze per la perdita di personale nel recente attacco terroristico al quartier generale della NOC. Le parti hanno anche discusso delle condizioni di vita nel sud, la necessità per le autorità regionali di intensificare gli sforzi per stabilire la sicurezza locale, la fornitura di carburante nella regione e l’attuazione di progetti di sviluppo. Il presidente Sanalla, da parte sua, ha sottolineato il sostegno della società per il sud attraverso progetti di sviluppo sostenibile; ha poi fornito una panoramica dettagliata dei progetti attuali e futuri realizzati dalla NOC.

Sanalla ha inoltre ribadito l’importanza dell’applicazione dello Stato di diritto, rilevando inoltre che l’attuazione dei progetti dovrebbe essere effettuata in cooperazione con i consigli comunali, in base alle priorità locali e entro i budget disponibili. Ha anche sottolineato l’impegno di NOC a lavorare con la comunità internazionale e le Nazioni Unite per sanzionare o perseguire individui o gruppi che tentano di ricattare il settore petrolifero.

Annunci

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: