Briefieng di Stephanie Williams al Consiglio di Sicurezza sulla situazione in Libia

Di seguito il brieifing dell’Inviata Speciale ad-interim del Segretario Generale delle Nazioni Unite in Libia, Stephanie Williams, al Consiglio di Sicurezza del 19 maggio 2020.

Signor Presidente,

Membri del Consiglio di sicurezza,

Vorrei aprire con i miei migliori auguri ai nostri colleghi musulmani in occasione del mese sacro del Ramadan. Consentitemi anche di congratularmi con l’Estonia per la presidenza del Consiglio di sicurezza di questo mese.

Signor Presidente,

Speravo di potervi fornire un rapporto più positivo oggi, ma sfortunatamente, proprio quando pensiamo che il fondo sia stato raggiunto in Libia, in qualche modo riusciamo a raggiungere nuove profondità di violenza, mancanza di cuore e impunità. Nonostante i nostri sforzi risoluti e la richiesta del Segretario Generale per un immediato cessate il fuoco per consentire ai libici di rispondere alla comune minaccia del COVID-19, mi dispiace di riferire che non vi è stata alcuna pausa nei combattimenti tra le forze del Governo di Accordo Nazionale (GNA) e il Libyan National Army del generale Haftar, noto anche come “Libyan Arab Armed Forces” (LAAF.) Invece, i combattimenti si sono intensificati con un aumento senza precedenti del fuoco indiretto nelle aree urbane e una crescente ondata di sofferenza per i civili.

Per quasi 15 mesi, dopo il lancio dell’attacco del generale Haftar a Tripoli nell’aprile del 2019, il conflitto armato ha imperversato in e intorno ad alcune delle aree più densamente popolate in Libia. A seguito dell’intensificarsi delle ostilità armate, insieme al terribile impatto socioeconomico del COVID-19, compresa la perdita di occupazione e mezzi di sussistenza, un milione di persone hanno ora bisogno di una qualche forma di assistenza umanitaria. Ciò include 400.000 libici sfollati, insieme a 654.000 migranti, rifugiati e richiedenti asilo. Solo nell’ultimo anno, da quando è iniziato l’attacco a Tripoli, 201.000 libici sono stati costretti a fuggire dalle loro case, principalmente in e intorno alla capitale.

Mentre le persone in tutto il mondo si stanno adattando al nuovo normale modo di vivere con una pandemia globale, milioni di libici – in particolare i due milioni di residenti di Tripoli – stanno vivendo un’esistenza più anormale e terrificante, sotto bombardamenti quasi costanti, frequenti tagli di acqua ed elettricità, aggravata da movimenti limitati a seguito di misure preventive per il COVID-19, rendendo l’intera situazione insopportabile per la maggior parte delle persone per festeggiare in pace il mese santo del Ramadan. Continuiamo ad assistere a un allarmante accumulo militare a seguito dell’invio ininterrotto da parte dei sostenitori stranieri di armi sempre più sofisticate e letali, per non parlare del reclutamento di più mercenari da entrambe le parti in conflitto.

Dopo il tentativo riuscito di riconquistare sei città sulla strada costiera a ovest di Tripoli in aprile, le forze del GNA stanno ora cercando di ripristinare il punto d’appoggio dell’LNA nel sud di Tripoli forzando la ridistribuzione delle risorse e interrompendo le loro linee di rifornimento dalla vicina città di Tarhouna. Incoraggiato da questi recenti successi, il GNA mostrò riluttanza a ricambiare una cessazione unilaterale dichiarata di tutte le attività militari annunciate dall’LNA il 29 aprile, in occasione del Ramadan. Il 5 maggio, le forze del GNA hanno iniziato le operazioni per prendere il controllo della base aerea di Watiya ma sono state inizialmente respinte da UAV e cecchini, provocando dozzine di vittime. Dopo ripetuti tentativi, supportati da attacchi aerei multipli condotti da droni, le forze del GNA hanno preso il controllo della base aerea ieri, il 18 maggio. Il controllo di questa base aerea strategica può innescare un’ulteriore escalation, trasformando il conflitto libico in una pura guerra per procura. Come in diverse occasioni, abbiamo assistito al coinvolgimento diretto di soggetti stranieri in questa operazione, sia con gli UAV sia con la presenza sul terreno di sistemi di difesa aerea, in palese violazione dell’embargo sulle armi.

Dal 24 aprile, Tripoli, e in particolare l’aeroporto di Mitiga, è stato sottoposto a bombardamenti quotidiani, quasi continui. Il 7 maggio, bombardamenti di artiglieria pesante e attacchi di missili grad lanciati dalle forze pro-LNA hanno colpito il centro di Tripoli, compreso il porto marittimo e nelle vicinanze del ministero degli Esteri, dell’ambasciata turca e della residenza dell’ambasciatore italiano in Libia, con almeno due civili uccisi e altri tre feriti. Un altro round di bombardamenti su obiettivi dentro e intorno a Mitiga da parte delle forze del generale Haftar il 15 maggio ha colpito tre magazzini del Comitato centrale per le elezioni comunali, distruggendo una considerevole quantità di materiale elettorale. Ancora una volta, chiediamo la cessazione immediata degli attacchi contro i civili e le infrastrutture civili, mentre chiediamo al GNA di ripristinare la natura civile dell’aeroporto di Mitiga.

Le operazioni militari a Tarhouna e dintorni hanno provocato nuovi sfollamenti e hanno avuto un impatto negativo sull’accesso umanitario alla città. Sono preoccupata per gli attacchi dei droni del GNA degli ultimi due mesi contro veicoli che viaggiano tra Mazdah e Tarhouna, nonché a Bani Walid, che hanno causato danni collaterali a veicoli che trasportavano oggetti non legati al combattimento come cibo, merci e carburante e provocarono vittime civili.

Dal mio ultimo briefing, l’ ospedale al Khadra che è stato assegnato a ricevere pazienti affetti da COVID-19, è stato colpito in quattro giorni separati da missili LNA, insieme al Royal Hospital, al Field Medical Support Center di Tariq al-Matar e al Policlinico di Weryemma, facendo evacuare le strutture. Il 16 maggio, i bombardamenti effettuati dalle forze del generale Haftar hanno colpito un rifugio per sfollati interni e migranti nel distretto di Tripoli al-Furnaj. Almeno sette persone sono state uccise e 17 ferite, tra cui donne e bambini. Questa non è la prima volta che questo campo è stato preso di mira. Il 10 maggio, un gruppo armato ha aperto il fuoco all’interno dell’unità di terapia intensiva nell’ospedale al-Jalla di Bengasi, danneggiando l’attrezzatura, mentre l’ospedale centrale di Tripoli ha subito danni a causa di attacchi missilistici dell’LNA , lanciati dalle forze pro-LNA. Non vorrei ribadire che tali attacchi violano il diritto internazionale umanitario e possono equivalere a crimini di guerra.

Tra il 1 ° aprile e il 18 maggio, l’UNSMIL ha documentato almeno 248 vittime civili (58 morti e 190 feriti), con un aumento dell’89% rispetto alle vittime civili totali registrate per i primi tre mesi di quest’anno. La stragrande maggioranza delle vittime civili è attribuita a forze affiliate all’LNA. I colpevoli di crimini ai sensi del diritto internazionale devono essere assicurati alla giustizia.

Siamo anche preoccupati per gli attacchi contro civili, la profanazione dei cadaveri, la punizione, inclusi saccheggi, rapine e incendi di proprietà pubbliche e private, nelle città costiere occidentali recentemente sequestrate dalle forze del GNA. Il 14 aprile, in seguito all’acquisizione da parte delle forze GNA della città di Surman, la Martyr Othman Hamza Company, affiliata al GNA, fece irruzione nella prigione di Surman e liberò illegalmente 401 prigionieri. A Tarhouna, il 5 aprile, il gruppo armato 9 ° Brigata affiliato all’LNA ha ucciso almeno nove civili e demolito sette case, dopo aver sfrattato con la forza le famiglie dalle loro case e rapito sette donne, il cui destino rimane sconosciuto.

I social media sono un altro teatro del conflitto libico. Basandosi sui seminari che abbiamo organizzato lo scorso anno per arginare l’incitamento e l’uso della retorica odiosa nei media, l’UNSMIL ha organizzato un forum virtuale in aprile con circa 30 importanti personalità libiche tradizionali e dei social media provenienti da tutto lo scenario. Siamo lieti di vedere i partecipanti concordare di istituire un osservatorio sul discorso dell’odio sotto gli auspici dell’UNSMIL e di produrre un Codice etico per i media.

Signor Presidente ,

Il COVID-19 aggrava l’insicurezza esistente oltre a esacerbare le vulnerabilità di vecchia data. Il sistema delle Nazioni Unite è al lavoro per assistere le autorità nazionali, anche attraverso la fornitura di attrezzature e formazione. La capacità di condurre test è stata aumentata. Ora ci sono cinque laboratori operativi nel paese, rispetto a due, ma ne sono necessari altri, incluso personale qualificato per gestirli.

Al 18 maggio, ci sono stati 65 casi confermati, inclusi tre decessi correlati a COVID che sono stati riportati in tutta la Libia. Secondo l’OMS, il picco non ha ancora raggiunto la Libia e il rischio di un’intensificazione dell’epidemia rimane molto elevato. Va anche notato che il basso numero di casi positivi è proporzionale alla bassa capacità di test, alla ricerca dei contatti nel paese e alla paura della stigmatizzazione sociale.

Sebbene le autorità nazionali abbiano fornito aggiornamenti frequenti sugli impegni finanziari per far fronte alla pandemia di COVID-19, incluso l’acquisto di attrezzature mediche e il pagamento di stipendi agli operatori sanitari, questi si sono materializzati lentamente e gli stipendi sono stati interamente pagati. Le autorità locali in tutta la Libia affrontano gravi carenze di ospedali funzionanti, unità di terapia intensiva, attrezzature mediche vitali e forniture, compresi dispositivi di protezione individuale. Secondo un recente sondaggio dell’OMS, mentre il 75% dei centri sanitari primari è aperto, solo il 20% fornisce servizi.

Allo stesso modo, gli attori umanitari devono affrontare vincoli di accesso per lo spostamento delle forniture umanitarie all’interno e intorno al paese e i voli che trasportano forniture mediche non sono stati in grado di atterrare a causa della mancanza di autorizzazioni a Bengasi. Negoziare le autorizzazioni per operare durante il coprifuoco a causa del COVID-19, nonché l’insicurezza in corso, hanno ritardato la distribuzione degli aiuti.

Per mitigare la diffusione del COVID-19 e in risposta alla difesa dell’UNSMIL, accolgo con favore il rilascio da parte delle autorità libiche di oltre 2.000 prigionieri e detenuti tra il 25 marzo e il 15 maggio. Il Consiglio giudiziario supremo, la pubblica accusa e il Ministero della giustizia hanno dimostrato il desiderio di proteggere i prigionieri e i detenuti da COVID-19 e li incoraggiamo a liberare altri prigionieri, in particolare donne e bambini, persone con disabilità, persone con condizioni mediche, persone anziane, migranti e rifugiati. Con il supporto tecnico e le attrezzature fornite dalle Nazioni Unite, la prigione di al-Jadideh a Tripoli ha ospitato diverse udienze giudiziarie di successo tra il 15 e il 30 aprile.

Rimaniamo molto preoccupati per la situazione dei migranti e dei richiedenti asilo in Libia. Da gennaio, oltre 3.200 sono stati intercettati in mare e sono tornati frequentemente in Libia a condizioni offensive in detenzione, mentre altri sono scomparsi del tutto. L’UNSMIL è anche preoccupata per le espulsioni di almeno 1.400 migranti e rifugiati quest’anno dalla Libia orientale in violazione degli obblighi internazionali in materia di diritti umani della Libia, in materia di non respingimento e espulsioni collettive, e del rischio che presto ne potrebbero essere deportati di più. Abbiamo ricevuto segnalazioni sull’incapacità di assistere e coordinare i respingimenti delle imbarcazioni migranti nel Mediterraneo centrale, che continua ad essere una delle rotte migratorie più mortali al mondo. Sia l’Italia che Malta, e ora anche la Libia, hanno chiuso i loro porti allo sbarco dei migranti soccorsi in mare, citando preoccupazioni per la salute legate al COVID-19. La stabilizzazione delle popolazioni in Libia arriverà, prima di tutto, attraverso un immediato cessate il fuoco seguito da un pieno ritorno al dialogo politico.

Vorrei esortare gli Stati membri a rispondere alla nostra richiesta di finanziamenti dedicati al COVID, nonché a rafforzare il sostegno al piano di risposta umanitaria per il 2020, che è gravemente sottofinanziato al 14%. La mancanza di finanziamenti sta ostacolando la nostra capacità di combattere la pandemia e di garantire che le vulnerabilità esistenti non vengano esacerbate.

Signor Presidente,

Esiste il rischio che la violenza si espanda nella Libia meridionale mentre il conflitto acuisce le divisioni esistenti. Nella città meridionale di Sabha, il consiglio comunale eletto recentemente giurato è stato sospeso dopo che il 26 aprile ha rilasciato una dichiarazione a sostegno dell’LNA che induceva il ministero della governance locale del GNA a sostituirlo con un comitato direttivo nominato. Il consiglio eletto ha presentato ricorso per la decisione del GNA. Incoraggio il governo a impegnarsi in un dialogo costruttivo con il consiglio eletto al fine di salvaguardare i processi democratici in Libia. La consegna del servizio municipale dovrebbe essere protetta dalla politica nazionale.

Lodiamo la perseveranza dei funzionari locali del comitato elettorale libico che continuano i preparativi per riprendere le elezioni del consiglio comunale nonostante le enormi sfide. Altre 38 elezioni locali sono previste per il 2020; i consigli municipali e la CCMCE stanno prendendo in considerazione misure speciali per fornire un ambiente sicuro per il voto durante la pandemia. Le elezioni sono previste in diversi comuni a giugno e luglio, tra cui Misurata.

Eccellenze,

I combattimenti, combinati al COVID-19 e il blocco petrolifero in corso, rappresentano una sfida senza precedenti per la già grave situazione socio-economica in Libia. Il blocco stesso è già costato alla Libia oltre quattro miliardi di dollari. Con un incombente deficit di bilancio di 26 miliardi di dinari nel 2020, la Banca centrale della Libia ha imposto misure di austerità tra cui limiti ai cambi. Tutto ciò ha comportato una perdita di reddito, carenze alimentari e aumenti dei prezzi, comprese interruzioni della catena di approvvigionamento. Il tasso di cambio del mercato parallelo è aumentato da 4,1 LYD al dollaro USA a gennaio a 6,1 oggi, il che ha un impatto ulteriore sul potere d’acquisto delle persone. Molti dei vantaggi derivanti dalle riforme economiche attuate nel 2018 sono stati cancellati.

Ho incontrato sia il Primo Ministro sia il Governatore della Banca centrale per affrontare la crisi finanziaria del Paese e incoraggiare il dialogo con l’obiettivo di attuare una serie di riforme che mitigheranno il deficit nazionale oltre a migliorare la vita della classe media libica. Questo mese il Ministero della Giustizia ha emesso una sentenza incoraggiante sulla legalità dell’audit internazionale.

Un’altra tendenza preoccupante è l’armonizzazione di servizi vitali. Dalla fine di marzo ci sono stati quattro incidenti, due che hanno interrotto l’approvvigionamento idrico del fiume artificiale e due che hanno interrotto le forniture di gas naturale alle centrali elettriche. Questi atti sono riprovevoli in qualsiasi momento, ma in particolare in un momento in cui il paese soffre degli effetti della guerra e di una pandemia globale.

In uno sviluppo positivo, il 3 maggio la National Oil Corporation (NOC) è riuscita a ripristinare l’integrità istituzionale della società nazionale di distribuzione di carburante, Brega, riunificando il comitato di gestione. Accogliamo con favore questo sviluppo poiché mantiene l’imparzialità e l’efficacia di NOC.

Signor Presidente,

Vi assicuro che le Nazioni Unite non abbandoneranno gli sforzi per convincere i leader politici e militari della Libia ad assumersi le proprie responsabilità e impegnarsi per un cessate il fuoco e una soluzione politica. Sulla scia dei recenti sviluppi militari, sembra che ci possa essere una finestra per la ripresa di alcune attività politiche.

Il 23 aprile, il presidente della Camera dei Rappresentanti, Aguila Saleh, ha annunciato una nuova iniziativa politica, chiedendo che i collegi elettorali sociali e politici che rappresentano l’Oriente, l’Occidente e il Sud eleggano i propri rappresentanti in un Consiglio di presidenza a tre membri sotto la supervisione delle Nazioni Unite. Al contrario, lo stesso giorno, il generale Haftar ha purtroppo ribadito di considerare nullo l’accordo politico libico (LPA) e l’attuale Consiglio di presidenza e ha chiesto ai libici di scegliere un’istituzione per guidare il paese per un periodo di transizione. In un discorso di follow-up, appena quattro giorni dopo, il 27 aprile, il generale Haftar “accettò” quello che ritiene essere un mandato popolare per il suo comando generale di svolgere un ruolo di governo maggiore. Su una nota più positiva, il 5 maggio, Il primo ministro Serraj ha accolto pubblicamente tutte le iniziative politiche che hanno richiesto una soluzione pacifica alla crisi libica e ha esortato tutte le parti a riprendere i colloqui politici nel quadro dell’LPA o attraverso un accordo per tenere le elezioni in un quadro costituzionale concordato. Qualora i colloqui si svolgessero nell’ambito dell’ LPA, Serraj ha fatto riferimento alla ristrutturazione dell’esecutivo, compresa la formazione di un Consiglio di presidenza (PC) con tre membri e un governo guidato da un primo ministro.

Accogliamo con favore la posizione costruttiva assunta dal Primo Ministro e dal Presidente della Camera e qualsiasi iniziativa politica che sia inclusiva e mirante a porre fine ai combattimenti e trovare una soluzione pacifica al conflitto nel quadro delle conclusioni della Conferenza internazionale del 19 gennaio a Berlino e UNSCR 2510. La nostra missione rimane di aiutare i libici a ricostruire uno stato abbastanza forte da contenere pacificamente le differenze politiche.

Abbiamo collaborato con GNA e LNA per basarci sul progetto di accordo di cessate il fuoco presentato ai colloqui della Commissione militare congiunta 5 + 5 del 23 febbraio a Ginevra. La Missione sta analizzando i commenti sul progetto di accordo fornito dal team del GNA. Stiamo ancora aspettando di ricevere feedback dall’LNA. Chiedo la vostra assistenza per garantire che riceviamo una risposta al più presto per riprendere questi scambi tanto necessari. Il progetto esistente costituisce la base più solida per una ripresa della discussione.

Apprezziamo il sostegno espresso dai partecipanti alla Conferenza di Berlino. Con lo stesso spirito, speriamo di contare sulla loro collaborazione per fermare urgentemente l’afflusso di sostegno militare dall’estero in violazione dell’embargo sulle armi delle Nazioni Unite. L’Unione europea ha lanciato una nuova operazione Irini il 1 ° aprile. Accogliamo con favore tutti gli sforzi volti a sostenere l’attuazione dell’embargo sulle armi delle Nazioni Unite, in linea con la risoluzione del Consiglio di sicurezza 2292 ( 2016 ) e incoraggiamo gli Stati membri a contribuire al suo monitoraggio e alla sua attuazione globale.

Apprezziamo ugualmente l’interesse degli Stati membri e delle nostre organizzazioni partner del Quartetto in Libia di impegnarsi in seno al Comitato internazionale di follow-up sulla Libia, che si è riunito a livello di alti funzionari il 2 aprile e il 13 maggio. La ragion d’essere del comitato è garantire l’attuazione degli impegni di Berlino. Sono state avviate discussioni nei quattro gruppi di lavoro tematici istituiti nell’ambito del Comitato. I gruppi costituiscono uno strumento fondamentale per sostenere l’UNSMIL, ma anche per dimostrare ai libici che la Conferenza di Berlino può mantenere le sue promesse.

Signor Presidente,

Mentre osserviamo la carneficina provocata da quasi 15 mesi di violenza incessante in Libia, credo che abbiamo raggiunto un altro punto di svolta nel conflitto. Da ciò a cui stiamo assistendo in termini del massiccio afflusso di armi, equipaggiamento e mercenari verso le due parti, l’unica conclusione che possiamo trarre è che questa guerra si intensificherà, si amplierà e si approfondirà con conseguenze devastanti per il popolo libico. All’aumentare dell’intervento straniero, gli stessi libici si perdono nel mix, le loro voci si accavallano. Non dobbiamo lasciare che la Libia scivoli via. Dobbiamo consentire ai libici responsabili di scrivere il proprio futuro. Riunendosi ora, questo Consiglio può garantire la sicurezza collettiva che è tenuto a mantenere applicando una pressione coerente e credibile su quegli attori regionali e internazionali che stanno alimentando il conflitto.

Grazie.

Clicca qui per il testo originale in lingua inglese.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: