Inviato della Libia all’ONU chiede di intervenire contro violazioni della tregua

L’ambasciatore della Libia presso le Nazioni Unite, Taher al-Sunni, ha invitato il Consiglio di sicurezza ad adottare una posizione urgente e risoluta contro le ripetute violazioni dell’armistizio a Tripoli.

L’ambasciatore Sunni ha incontrato sabato a New York, il presidente del Consiglio di sicurezza, l’ambasciatore del Belgio al Palazzo di vetro, Mark Busten, presentando un rapporto dettagliato di immagini e video sulle gravi violazioni commesse dalle “forze aggressori” riferendosi al Libyan National Army (LNA) nelle ultime ore, compreso l’intenso bombardamento casuale dei quartieri residenziali, di strutture civili e dell’aeroporto internazionale di Mitiga.

Come ampiamente illustrato precedentemente il Mitiga è uno scalo militare riadattato a scopi civili, viene utilizzato come sede logistica dalla pericolosa milizia deterrente RADA, oltre ad ospitare al suo interno una prigione che lo ha reso target di ripetuti attacchi da entrambe le parti.

Nelle ultime 48 ore sono stati riportati attacchi indiscriminati anche da parte delle forze governative di Tripoli, con bombardamenti nei distretti a sud della capitale, Qasr Bin Gashir dove una famiglia di 5 persone è stata uccisa venerdì e a nord di Ain Zara.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: