Commento di Ghassan Salamè alla Conferenza di Berlino sulla Libia

Pubblichiamo le dichiarazioni alla stampa del rappresentante speciale del segretario generale delle Nazioni Unite in Libia, Ghassan Salamé, a margine della Conferenza di Berlino del 19 gennaio 2020:

“Vorrei esprimere nuovamente la mia gratitudine alle autorità tedesche e alla cancelliera Merkel per i loro sforzi negli ultimi mesi al fine di portare avanti questo processo. Questo è iniziato, potrei dire in un incontro che ho avuto l’onore di avere con la signora cancelliera, il 15 agosto, e da allora abbiamo lavorato duramente per arrivare dove siamo oggi. Come ha affermato il Segretario generale, siamo molto grati per il suo entusiasta sostegno e anche per quello del Ministro degli Esteri.

Penso che il Segretario Generale delle Nazioni Unite vi abbia informato delle tre tracce, che le Nazioni Unite stanno cercando di avanzare. Quello che vorrei aggiungere è che durante questi nove mesi di guerra la Missione non ha mai lasciato la Libia. La maggior parte delle missioni diplomatiche se ne sono andate ma siamo rimasti. Penso che abbiamo fatto notevoli sforzi umanitari oltre alle nostre attività politiche. Ringrazio tutti quei paesi che ci hanno supportato per aiutare gli sfollati interni e per aiutare tutti e per rimanere sul campo nonostante tutte le difficoltà.

Penso che dobbiamo ai libici questa presenza. Penso che la nostra presenza sia stata utile per loro in questo momento di difficoltà. Adesso sto pensando a domani. Penso che oggi sia stato un grande giorno per darci la spinta morale per andare avanti. Ringrazio tutti coloro che hanno partecipato a questa conferenza. E spero che il Consiglio di sicurezza, il comitato di follow-up saranno al nostro fianco per attuare quanto concordato a Berlino”.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: