Abdul Jalil scatena le proteste degli insegnanti, minaccie ai giornalisti

Di Vanessa Tomassini.

Le recenti decisioni del ministro della Pubblica Istruzione del Governo libico di Accordo Nazionale, Otman Abdul Jalil, hanno dato vita ad una manifestazione degli insegnanti nella capitale Tripoli. In particolare, ad innescare lo scontento degli insegnanti ci sarebbe la risoluzione 1114 del 2019, che prevede il licenziamento di un certo numero di funzionari ed osservatori del Ministero dell’Istruzione, nonchè la mancata attivazione della legge n.4 sull’aumento dei salari.

Durante il sit-in, fonti locali hanno riferito che alcuni giornalisti sarebbero stati fermati dalle forze di sicurezza del Primo Ministro. Reporter e cine-operatori che stavano documentando la protesta sarebbero stati trattenuti all’interno dell’ufficio del premier Fayez al-Serraj, mentre un funzionario di sicurezza ha chiesto loro di scansionare il materiale, o di “rompere le telecamere” e sottoporle al Pubblico Ministero. E’ opportuno ricordare che proteste simili si sono verificate nei giorni scorsi in tutto il Paese.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: