Visita ufficiale al Psycho Social Support Center di Tommina

Nell’ambito dei suoi sforzi per sostenere il recupero psicologico dal conflitto per i membri della comunità di Misurata e Tawergha, il Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo (UNDP), nell’ambito del suo Progetto di transizione, ha contribuito a stabilire una Centro di salute mentale -psicologica e supporto sociale (MHPSS) a Tommina, una città tra le due città. Il rappresentante residente dell’UNDP, Gerardo Noto, si è recato venerdì a Tommina per visitare il centro.

Ismaeil Aleabid, direttore dell’Istruzione di Misurata, il Presidente del consiglio comunale di Tommina, Abd-alqadir Shbaw, il Presidente del Comitato per l’attuazione dei termini dell’accordo tra Misurata e Tawarga, Yusuf Zrzah, il Responsabile del Centro di supporto sociale psicologico di Tommina, Amal Saffar e la direttrice dell’organizzazione Atwar, Turkia Alwaeir hanno preso parte alla cerimonia. “Noi del Ministero della Pubblica Istruzione stiamo già sostenendo questo centro e ci impegniamo a continuare a farlo con più forniture e supporto morale”, ha affermato Aleabid, direttore dell’istruzione di Misrata. Shbaw, presidente del Consiglio comunale di Tommina, ha dichiarato: “Siamo grati a tutti coloro che hanno sostenuto questo centro, in particolare all’UNDP, poiché il suo aiuto sta permettendo al centro di fornire servizi di supporto psicologico a quelle persone di Misurata e Tawergha colpite da il conflitto nel 2011″.

“Grazie al sostegno ricevuto da diversi collaboratori, in particolare dall’UNDP, siamo stati in grado di iniziare a stabilire una fusione positiva tra le persone delle due città, che è, in parte, evidente dalla partecipazione a questa cerimonia”, ha dichiarato la signora Saffar, Direttore del centro. Alwaeir, direttrice dell’organizzazione Atwar, ha dichiarato: “Con il sostegno dell’UNDP, siamo stati in grado di intraprendere numerosi progetti al centro, inclusi i programmi e le attività imprenditoriali delle donne per i giovani di Misrata e Tawergha a lavorare nel campo della cittadinanza attiva”.

“Il centro ha svolto un lavoro eccellente nel riunire le persone di Misurata e Tawergha, concentrandosi sulla fornitura di supporto psicosociale a persone profondamente colpite dal conflitto. Questo è un pilastro per la riconciliazione tra comunità e UNDP continuerà a sostenerlo”. Ha concluso, il rappresentante residente di UNDP, Noto. Con il sostegno dell’Agenzia italiana di cooperazione, l’UNDP ha ripristinato una vecchia scuola come sede del Centro MHPSS e le ha fornito mobili e attrezzature, come libri, giochi e articoli medici. Quindi, ha formato e guidato 35 volontari locali, tra cui personale del Ministero della Sanità e praticanti per gestire il centro. Squadre di 3-4 persone sono state formate per identificare le persone più vulnerabili bisognose di sostegno e su come rispondere ai loro bisogni micologici. Il progetto ha inoltre lavorato per consentire a giovani e donne di impegnarsi nella valutazione, nella pianificazione e nel monitoraggio di MHPSS. Il centro servirà come terreno comune per entrambe le comunità per incontrarsi e facilitare la riconciliazione.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: