Sale il numero di vittime a Tripoli, mentre si cerca di mantenere la pace

Di Vanessa Tomassini.

Il Ministero della Salute del Governo di Accordo Nazionale ha reso noto il bilancio delle vittime, la maggior parte civili, dei pesanti scontri tra milizie. Secondo la dichiarazione pubblicata sabato, in accordo con i dati dell’ospedale di Tripoli, i morti sarebbero 78, 313 i feriti, mentre 16 persone risultano ancora disperse. Le ambulanze ed i medici di pronto soccorso avrebbero prestato assistenza ad oltre 50 famiglie, ed evacuato almeno 95. Secondo la Libyan Red Crescent durante le due settimane di “guerra” i centralini avrebbero ricevuto oltre 2000 telefonate di emergenza. Il Ministero della Salute ha specificato che i dati, ancora provvisori, includono le vittime dal 27 agosto alle 14,00 dell’8 settembre.

Meeting sindaci

Al momento la situazione nella capitale libica risulta stabile, ma c’è grande preoccupazione per nuovi scontri che potrebbero riaccendersi da un momento all’altro. In questi giorni sono in programma nuovi incontri tra le parti e le Nazioni Unite, ad al-Zawiya, per il mantenimento del cessate il fuoco. Sabato il Rappresentante Speciale, Ghassan Salamé, e la coordinatrice degli Affari Umanitari delle Nazioni Unite, Maria Ribeiro, hanno tenuto un incontro con il consiglio municipale di Tripoli per cercare di trovare risposte alla crisi nella capitale.

Annunci

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: