Salamé: “Gli organismi paralleli che continuano ad esistere oltre il loro mandato devono essere sciolti. Il Paese deve andare avanti”.

Dopo aver descritto la situazione nelle varie città libiche, l’Inviato speciale della Missione delle Nazioni Unite, Ghassan Salamé, rivolgendosi al Consiglio di Sicurezza ONU, ha parlato positivamente della Conferenza Nazionale e degli eventi nei vari distretti per la Riconciliazione. “Alcuni punti di consenso di questo ampio processo di consultazione inclusivo in queste diverse città hanno iniziato a cristallizzarsi. Un desiderio per una nazione unita e sovrana e una credenza comune che, per riuscirci, lo stato deve essere più decentrato. Un’urgente necessità di una distribuzione più giusta, più trasparente ed efficace delle risorse pubbliche a beneficio di tutti i cittadini. Un forte desiderio di istituzioni statali unificate, che lavorano in modo trasparente, con leader selezionati in base alla loro competenza, non la loro identità. Un esercito militare unificato e professionale e un apparato di sicurezza coerente, libero da interferenze politiche, che opera secondo regole chiaramente definite. Un appello per le elezioni che può unire il paese. E infine, un desiderio molto chiaro di emergere dalla transizione”. Sono queste le aspirazioni del popolo libico. “Al centro dell’opinione pubblica c’è un forte desiderio di rinnovamento della scena politica, l’affermazione del potere locale e il ritorno a una vita più normale con istituzioni più regolari”. Ha sottolineato l’inviato della Missione UNSMIL, aggiungendo: “Ciò ha alimentato la loro richiesta di elezioni che è stata ascoltata in modo sempre più forte e chiaro; attraverso l’aggiornamento dell’iscrizione degli elettori, nell’ambito dei sondaggi di opinione e ora, durante le riunioni della Conferenza nazionale. Mentre le elezioni devono essere tenute il più presto possibile, devono essere presenti le condizioni adeguate. È necessario un nuovo ciclo di registrazione degli elettori, un impegno preventivo per accettare i risultati, fondi adeguati e solidi meccanismi di sicurezza. Non meno importante, la Camera dei Rappresentanti deve mantenere la sua promessa di produrre una legislazione elettorale per tutte le forme di eventi elettorali, in consultazione con l’Alto Consiglio di Stato.Queste leggi devono essere prodotte in un modo che le renda accettabili per la maggioranza della popolazione. Siamo pronti a fornire una consulenza immediata in linea con la pratica internazionale”.

All’atto della concezione del piano d’azione, la modifica dell’accordo politico libico è stata richiesta da vari interlocutori libici. Abbiamo provato più e più volte, esplorando diverse formule, tentando di riconciliare le varie opinioni, esplorando i mezzi per accogliere le ambizioni. Tuttavia, le parti non sono disposte a fare le concessioni necessarie. Nel mio ultimo intervento, ho affermato che avremmo concesso un’ultima possibilità per questi emendamenti che si sarebbero avverati, e non l’hanno fatto, anzi sono diventati una distrazione. È giunto il momento di voltare questa pagina. Concentrandoci sulle elezioni di quest’anno, la modifica della LPA si riduce rapidamente d’importanza. Tuttavia, dobbiamo chiedere molto di più all’attuale Consiglio presidenziale negli ultimi mesi restanti, sia in termini di preparazione concreta per le elezioni, sia di fornitura di servizi per la popolazione.

Poi Ghassan Salamé ha riportato l’attenzione dul tema dei diritti umani: “Nei nostri due recenti rapporti sui diritti umani, il primo sui centri di detenzione e il secondo, che dovrebbe essere rilasciato domani, sui servizi medici, abbiamo documentato innumerevoli violazioni da parte di attori armati contro i civili. Inoltre, la continua influenza dei gruppi armati sulla politica e sull’economia è pericolosa e, a meno che non si opponga resistenza è in pericolo di espansione; come recentemente dimostrato in una contestata decisione del governo di Accordo Nazionale di dare poteri a un gruppo armato, che può appartenere solo allo stato sovrano. A tal fine abbiamo sviluppato una nuova strategia per aiutare la Libia a trattare con i gruppi armati. Per questo, abbiamo coinvolto direttamente i gruppi armati, in stretta consultazione con il governo. Siamo nella fase finale della consultazione con le autorità libiche per finalizzare la strategia e formulare il piano per la sua attuazione. Non scioglierà i gruppi armati domani ma aiuterà il lungo processo d’inizio sul serio”.

Le aspirazioni di milioni di persone non possono essere fermate da quei pochi che desiderano mantenere lo status quo per il proprio beneficio personale. Gli organismi paralleli che continuano ad esistere oltre il loro mandato devono essere sciolti. Le elezioni devono essere tenute. Il Paese deve andare avanti.

“Ma ciò può essere raggiunto solo con il sostegno di questo Consiglio. Quando la Libia ascolta messaggi conflittuali, incrementiamo solamente la divisione e diamo un’opportunità a coloro che cercano di far deragliare il processo. Ma quando parli con una voce chiara e unica, i libici, credetemi, ascoltano”. Ha concluso Salamè dopo aver ringraziato l’Unione Europea e l’Unione Africana per i loro sforzi.

 

Annunci

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: