“Ci sono vari modi per guardare la Libia, un paese di circa un milione e mezzo di chilometri quadrati. Da una città all’altra, troverai motivi di preoccupazione e motivi di speranza. Sebbene molte città meritino di essere citate, lasciatemi menzionare almeno alcune”. Apre così il suo intervento al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite di lunedì 21 maggio, l’Inviato speciale della Missione di Supporto in Libia (UNSMIL), Ghassan Salamè. Preoccupazione e speranza è il binomio su cui si basa il briefing dell’Alto Rappresentante al Consiglio di cui la Polonia è presidente di turno.

Tripoli

“Questo mese, Tripoli è stata colpita dalla tragedia. Il 2 maggio, un attacco omicida al quartier generale della Commissione elettorale delle elezioni nazionali ha portato via 13 vite. L’attacco è stato rivendicato da ISIL”. Inizia così Salamè, aggiungendo: “questo attacco è un tentativo di far deragliare il processo elettorale. Tuttavia, nonostante la tragica perdita di molti dipendenti e la necessità di trasferirsi in una nuova sede dopo che l’esplosione suicida ha danneggiato l’edificio, il presidente della Commissione elettorale nazionale ha sottolineato la loro costante disponibilità a condurre le elezioni. La perseveranza della Commissione di fronte a tali avversità merita la nostra ammirazione”. L’inviato delle Nazioni Unite ha poi ricordato anche alcuni progressi postivi. “Le elezioni per la Presidenza dell’Alto Consiglio di Stato sono state condotte puntualmente, pacificamente e democraticamente, portando una nuova leadership all’istituzione, ricordando nel contempo che le posizioni ufficiali sono solo temporanee. Ancora più importante per i cittadini libici è che il governo di Accordo nazionale ha concordato il bilancio del 2018”. Ha detto Ghassan Salamè.

Derna

“Ad est, la città di Derna è soggetta a un’escalation crescente via terra, aria e artiglieria dal 7 maggio, quando il federmaresciallo Haftar ha annunciato un’offensiva dell’esercito nazionale libico, numerosi civili sono stati uccisi, mentre gli aiuti e l’accesso medico sono stati severamente limitato. Centinaia di famiglie sono state sfollate. Finora, la maggior parte dei combattimenti si è svolta alla periferia della città, siamo preoccupati che se procederà verso le aree urbane, i civili saranno ancora più in pericolo”. Ha avvertito Salamè, chiedendo “urgentemente a tutte le parti di esercitare moderazione e adottare tutte le precauzioni possibili per proteggere i civili”. Un appello esteso anche al Consiglio di Sicurezza. “L’ONU sta lavorando duramente per affrontare la situazione umanitaria e si sta preparando nel caso in cui il conflitto peggiori e chiede a tutti gli attori di consentire un accesso umanitario senza ostacoli e un passaggio sicuro per i civili fuori dalla zona. Abbiamo formalmente offerto e lo facciamo ancora una volta i buoni uffici della missione per ridurre il conflitto”.

Sabha

Riguardo alla città meridionale, Salamè ha riferito: “A sud, la città di Sabha ha anche subito un’allarmante escalation negli scontri armati. La lotta per il controllo delle posizioni strategiche ha portato a crescenti vittime, tra cui molti civili. Il City Main Hospital è stato oggetto di attacchi diretti, mettendo a rischio gli infermi. Qui, come in tutti i casi in cui i civili sono a rischio, sottolineiamo a tutte le parti i loro obblighi ai sensi dei diritti umani internazionali e del diritto internazionale umanitario. Oltre ad essere la principale città della regione meridionale della Libia, Sabha è una fonte di preoccupazione specifica. Primo, perché molti accordi per fermare i combattimenti tra i gruppi sono stati firmati, quindi successivamente e ripetutamente violati. Secondo, c’è il serio rischio che questi scontri si deteriorino in un conflitto etnico. Terzo, perché questo conflitto ha il potenziale per diventare regionale, dato che gruppi armati provenienti da molti paesi confinanti hanno trasformato troppo facilmente quella parte della Libia come terreno di battaglia alternativo”. Pertanto Salamè ha poi spiegato: “Sosteniamo i negoziati rapidi tra la Libia e i suoi vicini meridionali e siamo pienamente disposti a facilitarli, se necessario. Il caso Sabha dimostra la necessità che la Libia lavori con gli Stati vicini meridionali per proteggere i suoi confini e risolvere le questioni della tratta di esseri umani, dei flussi di combattenti e dei beni di contrabbando”.

Zawiya

Ancora una nota positiva secondo l’Inviato sono le elezioni municipali della città occidentale di Zawiya: “a quaranta chilometri ad ovest di Tripoli, il 12 maggio, la città di Zawiya, la quarta più grande della Libia, ha diretto le prime elezioni comunali dal 2015. In una gara aperta e competitiva, la comunità locale e il comitato elettorale comunale hanno lavorato per garantire un processo pacifico e organizzato, con osservatori nazionali in ogni centro elettorale. Questa elezione di successo segna l’inizio di una serie di sondaggi municipali che si svolgeranno in tutto il paese. I libici hanno fatto affidamento sui loro sindaci e municipi per i servizi di base essenziali, che a loro volta lottano per ottenere le risorse necessarie per soddisfare i bisogni. Quindi, l’importanza del rinnovo della leadership locale.  Le Nazioni Unite hanno sostenuto queste elezioni, sia politicamente che materialmente, come faremo per le prossime elezioni”.

Tawergha

“Questa è una città che ha perso i suoi abitanti dopo un gravissimo conflitto con la vicina città di Misurata”.  Ha ricordato tristemente Ghassan Salamè aggiungendo: “dovevano tornare il 1 ° febbraio di quest’anno secondo il piano del Governo di Accordo Nazionale. Sono stati forzatamente impediti di farlo. Molti sono dovuti rimanere all’aperto, sotto la pioggia e ora sotto il sole. Le agenzie delle Nazioni Unite hanno fatto molto per rendere sopportabili le loro condizioni. Ho messo sul tavolo un piano per attuare l’accordo del 2016 tra Tawergha e Misurata. Stiamo ancora spingendo per la sua attuazione”. Salamè ha poi sottolineato che il popolo Tawergha non è un caso isolato, in Libia infatti ci sono “oltre 300.000 sfollati interni di diverse convinzioni politiche che desiderano tornare nelle proprie case, a Bengasi o in altre città. Sono stati costretti a fuggire a causa del combattimento o dell’ostilità dei vicini con cui hanno vissuto per secoli”.

L’oasi di Ghadames

Qui i cittadini si sono riuniti per dipingere la piazza della città vecchia in preparazione del loro evento della Conferenza Nazionale. “I cittadini hanno condiviso le loro aspirazioni per il loro Stato e i principi che dovrebbero guidarlo, la loro visione di una via d’uscita dall’attuale crisi”. Ha raccontato Salamè, proseguendo: “42 eventi simili si sono verificati in 27 località in tutto il paese da quando il processo è stato avviato ad aprile. Aperta con eventi simultanei nella città orientale di Bengasi e nella città occidentale di Zwara, la Conferenza nazionale ha attraversato il paese. Si sono tenute riunioni da Tripoli a Shahat, le montagne occidentali di Nafusa fino alle montagne verdi orientali, la città di Ghat, nel sud-ovest, fino alla città di Qatrun, nell’estremo sud; tutto senza un singolo incidente di sicurezza registrato. I libici di tutte le fazioni politiche e segmenti della società si sono riuniti per entrare nella conversazione politica, molti per la prima volta con un entusiasmo che non poteva essere previsto”.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...