In occasione della Giornata universale dei bambini, l’UNICEF chiede la protezione dei minori in Libia

Il 20 novembre ricorre la Giornata universale dei bambini, l’anniversario dell’adozione della Convenzione sui diritti dell’infanzia, che fornisce una serie di standard universali a cui tutti i paesi devono aderire, incluso il principio di non discriminazione, l’interesse superiore del bambino come considerazione primaria in tutte le azioni relative ai bambini, il diritto del minore di esprimere liberamente le proprie opinioni, fondamentalmente il diritto inalienabile del bambino alla vita.

I bambini nella regione del Medio Oriente e del Nord Africa stanno affrontando un nuovo aumento della violenza. Dall’inizio di quest’anno, quasi 580 bambini sono stati uccisi a causa di conflitti e violenze in diversi paesi della regione, una media di oltre 10 bambini ogni settimana. Molti altri sono rimasti feriti. Questa è una realtà inaccettabile. Lo afferma UNICEF nel suo ultimo rapporto.

Secondo il fondo per l’infanzia delle Nazioni Unite, i bambini nell’area MENA continuano a subire gli effetti devastanti di conflitti prolungati, violenze intercomunitarie, ordigni esplosivi e residuati bellici e disordini politici e sociali presenti in molti paesi, tra cui Iran, Iraq, Libia, Sudan, Siria, Yemen, in aggiunta al conflitto tra Israele e Palestina.

In un incontro nella capitale libica, l’UNICEF ha ricordato che almeno 3 bambini sono stati uccisi nella violenze a Tripoli, dall’inizio dell’anno. Lo scorso luglio la Libia occidentale ha anche assistito a sanguinosi scontri tra l’apparato speciale di deterrenza (RADA) e la Brigata dei rivoluzionari di Tripoli (TRB), che hanno provocato la morte di 16 persone, compresi tre minori, e il ferimento di altre 34.

L’agenzia ONU ha espresso il suo sgomento per il fatto che i bambini continuino a pagare un prezzo pesante per violenze e conflitti, chiedendo l’impegno degli Stati firmatari della Convenzione sui diritti dell’infanzia a proteggere i bambini in situazioni di conflitto e violenza, garantendo loro i diritti fondamentali.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: