Una crescente attività diplomatica degli Stati Uniti per una soluzione non militare in Libia

Mercoledì ad Ankara, l’ambasciatore Norland si è consultato con alti funzionari turchi sull’urgente necessità di sostenere i libici che cercano sinceramente la fine del conflitto e il ritorno al dialogo politico facilitato dalle Nazioni Unite, nel pieno rispetto della sovranità e dell’integrità territoriale della Libia.

La visita, che ha fatto seguito a telefonate tra il presidente Trump e il presidente Erdogan – afferma in una nota l’Ambasciata – ha discusso i passaggi per raggiungere una soluzione smilitarizzata per la Libia centrale, realizzare un ritiro completo e reciproco di forze straniere e mercenari, consentire alla National Oil Corporation (NOC) di riprendere il suo lavoro critico, promuovere trasparenza economica e riforme.

Le discussioni ad Ankara seguono la visita dell’ambasciatore Norland al Cairo la scorsa settimana. Il 10 agosto 2020, il diplomatico statunitense si è recato in Egitto, dopo le discussioni sulla Libia tra il presidente Trump e il presidente al-Sisi, nonché il segretario Pompeo e il ministro degli Esteri Shoukry, per consultarsi con alti funzionari egiziani sulle misure per raggiungere un cessate il fuoco duraturo.

“Con i nostri partner egiziani, l’Ambasciatore Norland ha accolto con favore lo slancio generato dalla Dichiarazione del Cairo del 6 giugno e ha sottolineato il sostegno degli Stati Uniti a tutti i leader libici responsabili che cercano una soluzione pacifica al conflitto che ripristini la sovranità della Libia, promuova le riforme economiche e prevenga un’ulteriore escalation esterna”. Aveva reso noto l’Ambasciata al termine degli incontri, indicando che Norland ha anche incontrato il Presidente della Camera dei Rappresentanti (HOR) Agilah Saleh per conoscere gli sforzi del Parlamento libico per promuovere una soluzione smilitarizzata per Sirte e al-Jufra, consentire alla National Oil Corporation di riprendere il suo lavoro vitale assicurando al contempo che i proventi di petrolio e gas siano gestiti in modo trasparente e migliorare la governance che porti a elezioni credibili e pacifiche.

L’ambasciatore Norland ha espresso sostegno alle aspirazioni del Presidente della Camera e a quelle di tutti i partiti libici responsabili, per una soluzione libica che ponga fine al conflitto e garantisca un futuro stabile e prospero per il popolo libico.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: