Il controverso mufti libico invita i seguaci a manifestare sostegno all’intervento turco

Il controverso imam libico, il Gran Mufti Sadiq Al-Gharyani, una delle massime autorità religiose nella Libia occidentale ha esortato i residenti nelle aree controllate dal Governo di Accordo Nazionale (GNA) a uscire in strada per manifestare a sostegno dell’intervento turco in Libia.

“I residenti di Tripoli sono ben consapevoli di chi li ha aiutati a sbarazzarsi delle bombe e dei missili che erano stati inflitti su di loro due mesi fa”. Ha detto al-Gharyani, lodando la collaborazione con il regime di Erdogan.

Al-Gharyani ha anche concesso la sua benedizione all’accordo sui confini marittimi che la Turchia ha firmato con Al-Sarraj, che consente ai turchi di scavare nel Mediterraneo, descrivendolo come legale, mentre l’intervento illegale – a suo avviso – viene dall’Europa, in particolare dalla Francia, e dai Paesi arabi che dovrebbero essere puniti.

In un discorso precedente, il gran mufti libico aveva invitato i giovani libici tra le file del GNA a compiere attentati kamikaze, qualora questi fossero stati in grado di danneggiare il nemico.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: