Gli Emirati Arabi Uniti rigettano le false accuse del Governo libico (GNA)

Gli Emirati Arabi Uniti hanno accusato il Governo libico di Accordo Nazionale (GNA), riconosciuto dall’ONU e supportato dalla Turchia, di aver rifiutato un cessate il fuoco, respingendo le false accuse del Governo di Tripoli secondo cui Abu Dhabi avrebbe violato l’embargo sulle armi delle Nazioni Unite inviando armi all’Esercito Nazionale Libico (LNA) del generale Khalifa Haftar.

Il 13 maggio, il ministro degli Esteri del GNA, Mohamed Siala, ha consegnato una lettera al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, in cui ha affermato che le Nazioni Unite dovrebbero “prendere posizione” contro Haftar, le cui forze hanno combattuto contro il GNA in e intorno Tripoli da aprile 2019. Il GNA ha successivamente accusato gli Emirati Arabi Uniti di fornire armi all’LNA in violazione delle risoluzione delle Nazioni Unite.

L’ambasciatore degli Emirati Arabi Uniti presso l’ONU, Lana Nusseibeh, ha respinto formalmente queste “false accuse” in una lettera alle Nazioni Unite lunedì, sottolineando come il GNA e Recep Tayyip Erdogan avevano rifiutato di interrompere i combattimenti in Libia. “Gli Emirati Arabi Uniti respingono categoricamente, in quanto falsa e infondata, qualsiasi accusa secondo cui gli Emirati Arabi Uniti non abbiano rispettato le misure sanzionatorie del Consiglio di sicurezza nei confronti della Libia”, ha scritto Nusseibeh.

“Le accuse deplorevoli e infondate del rappresentante permanente della Libia sono confutate dalla posizione chiara e coerente degli Emirati Arabi Uniti sul conflitto in Libia, che gli Emirati Arabi Uniti hanno ripetutamente condiviso con le Nazioni Unite e la comunità internazionale”, ha affermato Nusseibeh.

“La più grande preoccupazione per il mio Governo è che invece di rispondere alla moltitudine di richieste alle parti libiche in conflitto di cessare le ostilità, comprese quelle fatte dagli Emirati Arabi Uniti e le altre parti della Dichiarazione congiunta, e il Segretario Generale, la dichiarazione del rappresentante permanente della Libia del 19 maggio 2020 suggerisce che il GNA non ha intenzione di cessare le sue attività militari e di riprendere un processo politico pacifico”, ha affermato l’inviata degli EAU all’ONU. Nusseibeh ha descritto la posizione del GNA come “pericolosa e irresponsabile”, soprattutto alla luce della minaccia della pandemia di coronavirus (COVID-19) in corso nel paese devastato dalla guerra.

La missione delle Nazioni Unite in Libia ha dichiarato lunedì che le due parti hanno concordato di riavviare i negoziati sul cessate il fuoco (5+5). Questa decisione è stata benvenuta da Egitto ed Emirati Arabi Uniti durante una conversazione telefonica tra i ministri degli Esteri dei due Paesi. I ministri hanno sottolineato l’importanza di raggiungere un cessate il fuoco che inietti sangue nei civili, permetta il ritorno degli sfollati e consenta di raggiungere sicurezza e stabilità nel Paese nordafricano.

La Turchia e i suoi alleati hanno inviato e continuano ad inviare migliaia di mercenari ed ufficiali in Libia in sostegno del GNA. Nei giorni scorsi sono stati segnalati almeno 11 aerei turchi FC 130 diretti a Tripoli e Misurata. Il Consiglio di sicurezza di Erdogan si è riunito ieri, confermando il sostegno militare incondizionato al GNA di Fayez al-Serraj e alle sue milizie estremiste.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: