Russia blocca la risoluzione sulla Libia al Consiglio di Sicurezza ONU

Di Ali Ahmed.

La Russia ha bloccato la proposta di risoluzione delle Nazioni Unite sulla Libia che conteneva la parola “mercenari” nel testo, secondo fonti diplomatiche delle Nazioni Unite. Secondo l’agenzia AFP, Mosca potrebbe impedire un voto in seno al Consiglio di sicurezza alla fine di questa settimana.

“Ci sono alcuni paragrafi nella risoluzione che pongono un problema”, ha affermato l’ambasciatore russo presso le Nazioni Unite, Vassily Nebenzia, senza specificare, aggiungendo: “abbiamo deciso di continuare le discussioni con gli altri membri del Consiglio”. Le modifiche richieste dalla Russia alla proposta di risoluzione britannica riguardano il termine “mercenari” da sostituire con “combattenti terroristi stranieri”.

Il riferimento sarebbe ai 200 mercenari russi del gruppo privato Wagner, che si troverebbero in Libia a fianco del generale Khalifa Haftar e che gli Stati Uniti vorrebbero venissero chiaramente identificati nel testo. Una presenza negata dalla Russia. Nello stesso contesto, Russia ed altri membri del Consiglio di sicurezza hanno chiesto di condannare la presenza di 4000 ribelli siriani arrivati ​​nella capitale libica Tripoli dalla Turchia, anch’essi non menzionati dal progetto britannico.

Per approfondire leggi anche: “Strumenti politici”, In Libia il conflitto persiste per l’ipocrisia internazionale

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: