Russia ed Egitto, sforzi congiunti per risolvere la crisi

Di Ali Ahmed.

Il presidente egiziano, Abdel Fattah al-Sisi, ha tenuto venerdì una lunga conversazione telefonica con l’omologo russo Vladimir Putin per discutere degli ultimi sviluppi in Libia. Il portavoce della presidenza egiziana ha rivelato che i due presidenti hanno concordato “l’importanza di intensificare gli sforzi congiunti tra i due paesi al fine di risolvere la crisi libica, combattere le milizie armate e le organizzazioni terroristiche e porre fine alle interferenze straniere illegali nella questione libica”.

Ha aggiunto che il presidente egiziano ha sottolineato l’aspirazione dell’Egitto di approfondire le relazioni con Mosca in tutti i campi, elogiando gli importanti progetti di sviluppo in Egitto che vedono impegnati i due Paesi, tra cui la costruzione della centrale nucleare di Dabaa e il progetto della zona industriale russa nel canale di Suez.

Negli ultimi due giorni, il presidente al-Sisi ha avuto colloqui telefonici con il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, il primo ministro britannico Boris Johnson, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte e la cancelliera tedesca Angela Merkel.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: