LNA chiede di lasciare Misurata fuori dal conflitto a Tripoli

Di Vanessa Tomassini.

Il comando generale del Libyan National Army (LNA), rappresentato dal feldmaresciallo Khalifa Haftar, ha chiesto di non coinvolgere la città di Misurata, che è la capitale economica della Libia, nella battaglia di Tripoli. Secondo una dichiarazione rilasciata venerdì, spedizioni di armi, munizioni, veicoli corazzati e varie attrezzature militari sarebbero arrivate a Misurata da diversi porti turchi, secondo i Memorandum firmati lo scorso 27 novembre dal Governo di Accordo Nazionale (GNA) guidato dal premier Fayez al-Serraj e Recep Tayyp Erdogan.

Il comando ha sottolineato che le forze armate stanno monitorando l’arrivo di questo “supporto militare turco” ai porti di mare e negli aeroporti di Misurata, compreso l’Air College in cui verrebbero immagazzinati i droni TB2, divenendo così target dell’aviazione orientale. L’LNA afferma di essere riuscito a distruggere alcune di queste spedizioni “con successo ed alta precisione”. Il bombardamento di mezzi e munizioni turche hanno dato vita a successive esplosioni, ma gli aerei di Haftar sarebbero comunque tornati sani e salvi alle loro basi.

La dichiarazione ha avvertito di evitare il trasporto e lo stoccaggio di “spedizioni militari turche in luoghi civili inappropriati per immagazzinare pericolose apparecchiature di armi, munizioni e attrezzature, alcune delle quali sono stati spostati vicino ad aree residenziali”, aggiungendo che dopo questo avvertimento, tali posizioni verranno prese di mira senza esitazioni, sottolineando che è dovere dei gruppi armati e delle milizie non utilizzare i civili come scudi umani per proteggere scorte militari. L’intelligence dell’LNA avrebbe raccolto informazioni sull’arrivo di spedizioni militari turche ai porti di Misurata, Tripoli e Khoms, in palese violazione dell’embargo sulle armi, da e verso la Libia, sancito dalle Nazioni Unite. La dichiarazione ha chiesto inoltre a navi civili e agli aerei commerciali di non trasportare materiale militare turco in tutti gli sbocchi della Libia, per evitare di divenire obiettivi legittimi dell’Aeronautica libica.

Fonti indipendenti hanno confermato a Speciale Libia l’abbattimento, a sud di Tripoli, di un drone turco Bayraktar TB2 che avrebbe trasportato un missile UMTAS. L’areoporto di Misurata è stato ripetutamente bombardato nella giornata di ieri, mentre questa mattina sui social network, fonti locali riferiscono dell’arrivo di nuovi rinforzi per i gruppi armati di Tripoli, al porto di Misurata. Skyradar 24 ha anche tracciato l’arrivo di un aereo cargo 747-412 ER BAJ partito questa mattina da Ostend in Belgio.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: