Briefing di Ghassan Salamè al Consiglio di Sicurezza sulla situazione in Libia

Riportiamo integralmente il discorso del Rappresentante Speciale del Segretario Generale delle Nazioni Unite in Libia, Ghassan Salamé, al Consiglio di sicurezza del 18 novembre 2019.

Signor Presidente, Membri del Consiglio di sicurezza,
A sette mesi e mezzo dal conflitto in Libia, e vista la recente pericolosa escalation delle ostilità dentro e intorno a Tripoli, ci troviamo sempre più in una corsa contro il tempo per raggiungere una soluzione pacifica che risparmierebbe molte vite. Vi fornirò un aggiornamento sulla situazione della sicurezza prima di passare agli sviluppi politici. Sono arrabbiato e triste nel riferirvi che oggi c’è stato un altro evento di vittime civili di massa. Una fabbrica di biscotti nel quartiere Wadi Rabi’a di Tripoli è stata colpita da un attacco aereo, secondo le prime informazioni. L’attacco ha causato ciò che attualmente riteniamo essere dieci morti e oltre trentacinque feriti. Sembra che la maggior parte dei morti fossero migranti, ma che almeno due fossero libici. Indipendentemente dal fatto che l’attacco abbia deliberatamente preso di mira la fabbrica o sia stato un attacco indiscriminato, può costituire un crimine di guerra. Stiamo lavorando per verificare i fatti e vi aggiorneremo di conseguenza. Al di là della tragedia di oggi, le prime linee nel sud di Tripoli sono molto fluide. I pericoli e le conseguenze dirette dell’interferenza straniera sono sempre più evidenti. Per colmare le lacune nella forza lavoro, vi è un crescente coinvolgimento di mercenari e combattenti di compagnie militari private straniere. L’inserimento di questi combattenti esperti ha naturalmente portato a un’intensificazione della violenza. Sono gravemente preoccupato dall’espansione del fuoco di artiglieria verso nord nella città. Negli ultimi giorni, il numero di civili uccisi e feriti è aumentato e molte famiglie stanno lasciando le aree colpite dai bombardamenti. Un’ulteriore escalation dei combattimenti a terra in queste aree densamente popolate porterebbe a disastrose conseguenze umanitarie. L’uso della potenza aerea e della tecnologia di precisione è diventato una caratteristica dominante di un conflitto altrimenti a bassa intensità. L’UNSMIL stima il numero totale di attacchi di droni a sostegno delle forze dell’esercito nazionale libico a ben oltre 800 dall’inizio del conflitto. Il numero totale di attacchi di droni a sostegno del governo di Accordo nazionale è stimato a circa 240. A nostro giudizio, l’infrastruttura e le operazioni dei droni sono facilitate da parti esterne al conflitto. Ci sono stati anche diversi episodi di attacchi aerei di precisione condotti da aerei sconosciuti tra settembre e novembre. Inoltre, il crescente uso di bombe non guidate negli attacchi aerei condotti dalle forze dell’LNA nelle aree popolate di Tripoli ha causato un aumento del numero di vittime civili.   La violenza è facilitata dalla pletora di armi dell’era di Gheddafi in Libia, nonché dalle continue spedizioni di materiale bellico portato nel paese in violazione dell’embargo sulle armi. I rapporti indicano che tutto, dai pezzi di ricambio per aerei da combattimento ai carri armati, dai proiettili ai missili di precisione, vengono portati in Libia a sostegno di diversi gruppi coinvolti nei combattimenti.  L’aeroporto di Mitiga rimane chiuso. Sono passati più di due mesi e mezzo che questo sbocco chiave per la popolazione civile di Tripoli e della Libia occidentale è stato costretto a chiudere a causa di bombardamenti e attacchi aerei indiscriminati. L’aeroporto di Misurata, una piccola struttura mista civile-militare situata a 250 km a est di Tripoli, è ora l’unico punto di uscita per i libici nell’ovest del paese – che rappresentano la maggior parte della popolazione – per viaggiare all’estero in aereo. Anche l’aeroporto di Misurata è stato preso di mira almeno 11 volte da attacchi aerei di precisione dall’inizio di settembre. L’aeroporto di Mitiga deve riaprire il prima possibile. Insieme ai Ministri degli Interni e dei Trasporti del GNA, sto lavorando a una serie di passaggi pratici per raggiungere questo obiettivo, inclusa la chiara delimitazione tra le sezioni civili e militari dell’aeroporto, nonché l’istituzione di un terminal ONU dedicato. 

Signor Presidente, sono determinato a vedere la fine di questo conflitto debilitante. I miei colleghi dell’UNSMIL e io siamo pienamente impegnati e abbiamo lavorato instancabilmente con i libici e i partner internazionali per preparare il Secondo e il Terzo Passo dell’iniziativa che ho annunciato il 29 luglio.  Vorrei ringraziare il governo tedesco per il lavoro svolto nella preparazione di un vertice internazionale. Tre riunioni ufficiali senior hanno già avuto luogo e ci sarà una quarta riunione cruciale mercoledì 20 novembre. Nell’ultima discussione del 21 ottobre, i partecipanti hanno lavorato per concordare un progetto che delinea sei cesti di attività necessari per porre fine al conflitto in Libia. Questi sei canestri comprendono la necessità di ritornare al processo politico guidato dalla Libia e di accompagnare le riforme economiche; un cessate il fuoco, l’attuazione dell’embargo sulle armi e la riforma della sicurezza; nonché il rispetto dei diritti umani internazionali e del diritto umanitario. Mettere l’attuazione dell’embargo sulle armi al centro dell’impegno internazionale è essenziale in termini pratici e come messaggio per il popolo libico.  L’UNSMIL ha lavorato per convalidare un allegato operativo al progetto di comunicazione. L’allegato ha due scopi. Serve a delineare gli impegni assunti dai membri del gruppo di Berlino per porre fine al conflitto e far progredire il processo politico attraverso azioni tangibili, valutate da indicatori e delineare la responsabilità di tali azioni. Funge anche da “ponte” per il dialogo politico intra-libico, che sarà lanciato sotto gli auspici delle Nazioni Unite immediatamente dopo il vertice di Berlino. Uno dei risultati tangibili del vertice internazionale sarebbe l’istituzione di un comitato di follow-up che collaborasse con l’UNSMIL per attuare i risultati concordati nel comunicato finale. Tale comitato avrebbe un ruolo fondamentale in termini di rispetto del cessate il fuoco e migliorare l’attuazione dell’embargo sulle armi. Contribuirebbe a sostenere un ritorno al processo politico, l’attuazione di riforme economiche e finanziarie concordate, modalità pratiche e mezzi per garantire l’assenza di impunità per le violazioni del diritto internazionale umanitario. Il comitato sosterrebbe anche il processo DDR necessario per i gruppi in tutto il paese. Sono stato attivamente impegnato con gli Stati membri su base bilaterale. Sono stato particolarmente grato per la visita in Libia del Ministro degli Esteri tedesco Maas per informare il Primo Ministro Serraj sul processo di Berlino il 27 ottobre. La scorsa settimana ho viaggiato al Cairo per incontri molto positivi con il ministro degli Esteri egiziano Shoukry e altri funzionari di alto livello. L’unità e l’accordo internazionale sono essenziali per fermare la violenza e perseguire la risoluzione della crisi attraverso il dialogo politico. Spero vivamente che il processo di Berlino si concluda con successo. Vorrei sottolineare ancora una volta che l’approvazione del comunicato di Berlino non significa la fine del processo, ma piuttosto l’inizio della parte più importante del nostro viaggio per riportare la Libia sulla strada della pace e della stabilità. A sostegno del processo di Berlino, mi sono impegnato a fondo con il Primo Ministro Serraj e i comandanti delle forze del Governo di Accordo Nazionale e ho anche incontrato il generale Haftar e i politici che lo sostengono. C’è un margine per un accordo sulla fine del conflitto e le basi per tornare al processo politico. L’UNSMIL si è anche impegnata in un ampio raggio d’azione nei collegi elettorali libici, anche nella diaspora. Questi incontri hanno coinvolto comandanti di unità impegnate nella lotta, i loro rappresentanti civili e circoscrizioni politiche di tutto il paese. La rabbia e la frustrazione per il conflitto e il forte desiderio che finisse sono emersi chiaramente da queste discussioni.  Sono lieto di riferire che gli sforzi continuano a sostenere il processo politico. Il governo egiziano ha lavorato con i membri della Camera dei Rappresentanti per cercare di unificare il corpo, mentre un gruppo di membri occidentali continua a incontrarsi autonomamente a Tripoli. Siamo in contatto permanente con le varie fazioni della Camera dei Rappresentanti, incoraggiandole a mantenere l’integrità della loro assemblea. Le organizzazioni partner hanno anche tenuto consultazioni secondarie in cui i partecipanti hanno nuovamente sottolineato il loro desiderio di una soluzione pacifica al conflitto e hanno proposto idee per una via da seguire. Questi sono tutti sviluppi positivi, che riflettono una volontà e un impegno a porre fine al conflitto e a ritornare sulla strada politica per porre fine alla crisi nel paese.  

Signor Presidente, parallelamente ai nostri sforzi a livello nazionale, il lavoro continua direttamente con le comunità libiche. Per affrontare la polarizzazione nel paese, abbiamo ora ospitato due seminari per arginare l’incitamento e l’uso della retorica odiosa nei media. I seminari hanno riunito giornalisti, redattori e attivisti dei social media con istruttori di diritti umani e rappresentanti delle piattaforme di social media. Il nostro obiettivo finale è quello di concludere un codice di condotta per i media in Libia. A livello di base, abbiamo organizzato l’ultimo di una serie di tre eventi a metà ottobre per sostenere i mediatori locali. Oltre 120 libici, tra cui 23 donne, hanno partecipato a questi incontri che mirano a stabilire una rete nazionale di mediatori che includerà leader tribali, anziani, rappresentanti della società civile, attiviste per giovani e donne, accademici e uomini d’affari, che godono di credibilità e rispetto tra i loro vari collegi elettorali. Le elezioni municipali rimangono sospese a seguito di una sentenza del tribunale di giugno che ha annullato il regolamento elettorale che amministra le elezioni. È un riflesso positivo dello spirito democratico in Libia che molti sindaci chiedono tuttavia di rinnovare il mandato scaduto dei loro consigli attraverso le elezioni. Di recente ho incontrato il presidente del Comitato centrale per le elezioni dei Consigli comunali che mi ha assicurato la prontezza del comitato a riprendere le elezioni municipali una volta ripristinata la base giuridica. Il 4 novembre il Tribunale di primo grado di Sabha ha convalidato i risultati delle elezioni comunali tenutesi a Sabha il 27 aprile. Mentre un’altra causa legale contro i risultati rimane in sospeso e, l’annuncio dei firmatari che la sentenza di convalida sarà impugnata presso la Corte suprema. A Sirte, le agenzie delle Nazioni Unite hanno lanciato un progetto per sostenere i giovani e gli adolescenti a diventare agenti attivi di cambiamento e pace. Si tratta di un primo sforzo positivo per attuare la risoluzione 2250 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite su gioventù, pace e sicurezza nel contesto libico.  

Signor Presidente, vorrei cogliere l’occasione per sollevare ancora una volta il caso di Seham Serghewa, membro della Camera dei Rappresentanti rapita da casa sua il 17 luglio. Per oltre quattro mesi, le autorità orientali non sono state in grado di fornire informazioni sul destino di questa donna legislatrice e attivista per i diritti espliciti.  Il destino della signora Sergewa fa parte di un più ampio modello di violenza contro le donne in tutto il paese. La Missione sta documentando casi di omicidi e sparizioni forzate, tra cui, il 16 ottobre, il caso di una donna libica di 70 anni rapita da casa sua a Bengasi dopo essere stata accusata di praticare la stregoneria. Inoltre, le donne migranti e rifugiate in Libia sono a rischio di stupro e altre forme di violenza sessuale e di genere, sfruttamento sessuale e prostituzione forzata in detenzione e in generale. Sul versante positivo, sono lieto di riferire che le donne libiche sono state riconosciute per i loro sforzi di costruzione della pace. Il 16 ottobre, la BBC ha nominato la sig.ra Reda Al-Tabuly che avrete l’opportunità di ascoltare oggi, e che è a capo di una campagna per la pace e la presidente della Together We Build It Organization – come una delle 100 donne più influenti per il 2019.  

Signor Presidente, a Tripoli, gli effetti del conflitto continuano a incidere sulla popolazione civile. Più di 200 civili sono stati uccisi e oltre 128.000 persone sono fuggite dalle loro case da quando il conflitto è iniziato il 4 aprile. Più di 135.000 civili rimangono nelle aree in prima linea e altre 270.000 vivono in aree direttamente colpite dal conflitto. Dall’inizio del 2019, la violenza in Libia ha avuto un impatto devastante sull’assistenza sanitaria nel paese con 60 attacchi contro strutture sanitarie, personale medico e ambulanze registrati. Abbiamo osservato un chiaro modello di attacchi aerei di precisione contro le strutture mediche delle forze governative del GNA. Dirigere intenzionalmente attacchi contro strutture e personale medico, uccisioni intenzionali o danni a persone malate o ferite può costituire un crimine di guerra. Migranti e rifugiati continuano a essere a rischio di uccisioni illegali, torture e altri maltrattamenti, detenzione arbitraria e privazione illegale di libertà, stupro e altre forme di violenza sessuale e di genere, schiavitù e lavoro forzato, estorsione e sfruttamento. Persistono gravi preoccupazioni anche per quanto riguarda il trasferimento di migranti intercettati in mare dalla Guardia costiera libica verso centri di detenzione ufficiali e non ufficiali tra cui il centro di detenzione di Zawiya e il centro di detenzione di Tajoura, che le autorità affermarono il 1 ° agosto 2019 che dovevano essere chiuse.  Una valutazione del settore sanitario condotta nell’ottobre 2019 ha rivelato un forte aumento delle esigenze sanitarie non soddisfatte, in particolare per le donne e le ragazze. Oltre il 24% delle strutture sanitarie è chiuso a causa di conflitti, tagli di elettricità o danni strutturali e i servizi sono interrotti in molte altre strutture sanitarie. I bambini non sono in grado di raggiungere le scuole, dozzine delle quali sono state distrutte. Quasi altre 30 scuole vengono utilizzate come rifugi per gli sfollati.  Quest’anno le Nazioni Unite e i suoi partner umanitari hanno raggiunto oltre 310.000 persone con assistenza umanitaria. Sfortunatamente, le esigenze umanitarie superano i mezzi a nostra disposizione. Ad oggi, è stata finanziata meno della metà dell’appello per 202 milioni di USD nell’ambito del piano di risposta umanitaria in Libia. Incoraggio i donatori ad aiutarci a ridurre il deficit di finanziamento. Nel sud della Libia, la squadra nazionale delle Nazioni Unite continua a sostenere la popolazione Ahali sfollata da Murzuq, pochissimi dei quali sono tornati alle loro case. L’UNSMIL ha continuato a incontrarsi con i leader di Ahali e Tebu per risolvere le lamentele sottostanti tra le comunità e consentire il ritorno sicuro e dignitoso della popolazione di Ahali. 

Signor Presidente, mi dispiace informarvi che non ci sono nuovi sviluppi nel mio appello per ulteriori informazioni sull’attacco del 10 agosto che ha ucciso tre membri del personale delle Nazioni Unite e ferito gravemente altri due. Una commissione d’inchiesta inviata dal quartier generale è arrivata alcuni giorni fa e invito tutte le parti libiche a cooperare positivamente con questo organo. I nostri due membri del personale feriti continuano a riprendersi. Ci impegniamo a rimanere in Libia per servire il popolo libico. 

Signor Presidente, è un po ‘un cliché dire che le settimane a venire sono fondamentali, ma ancora una volta è vero per la Libia. Gli interventi esterni nel conflitto rischiano di superare l’entità del coinvolgimento nazionale, allontanando il controllo del futuro della Libia dai libici e mettendolo nelle mani di soggetti stranieri. Una volta invitato, l’intervento straniero è l’ospite che si stabilisce e prende il controllo della casa. È nell’interesse di tutti i libici respingere le interferenze esterne negli affari del loro paese, e aspetto il loro sostegno nel chiedere agli attori esterni di aderire all’embargo sulle armi e impegnarsi tangibilmente a porre fine al conflitto sul terreno, prima che sia troppo tardi.  Porre fine al conflitto e concordare la via da seguire è una prospettiva realistica. Le parti sono note. I contorni dell’accordo sono noti. Esistono opzioni per un quadro costituzionale temporaneo o a lungo termine. La legislazione elettorale è stata prodotta in precedenza. È tutto eminentemente possibile. Tutto ciò che serve ora è che voi, la comunità internazionale, vi riuniate per fornire l’ombrello necessario alle parti libiche stesse per unire le mani per porre fine al conflitto e riprendere il dialogo. Le Nazioni Unite sono in Libia e rimarranno in Libia per sostenere il popolo libico nel suo viaggio.

Grazie.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: