Forze speciali: “abbiamo catturato i due trafficanti più pericolosi della Libia”

Di Vanessa Tomassini.

Le Forze Speciali anti-terrorismo affiliate al Governo libico di Accordo Nazionale, attraverso la pagina Facebook dell’operazione Vulcano di Rabbia, lanciata dal premier Fayez al-Serraj in risposta all’offensiva del Libyan National Army (LNA) su Tripoli, hanno affermato di aver catturato due dei più pericolosi trafficanti di esseri umani in Libia.

“Le Forze Speciali anti-terrorismo, in coordinamento con l’Ufficio del procuratore generale, hanno effettuato un’operazione qualitativa che ha fatto irruzione nelle tane dei trafficanti di clandestini ed è riuscita ad arrestare due persone, una di nazionalità libica e l’altra di nazionalità sudanese”. Si tratterebbe secondo la nota rilasciata oggi dei trafficanti di esseri umani più pericolosi in Libia.

“La Forza antiterrorismo è una delle prime forze che si sono mobilitate per difendere la capitale dall’aggressione insidiosa, oltre ad adottare una serie di misure aggiuntive per impedire lo sfruttamento da parte delle organizzazioni terroristiche dell’attuale situazione eccezionale nella capitale Tripoli”. Ha aggiunto la nota della sala operativa Vulcano di Rabbia che ha diffuso le immagini dell’arresto con i due trafficanti in ginocchio davanti ad un gruppo di uomini armati incappucciati.

Nessun accenno è stato fatto circa gli estremisti impegnati al fronte contro l’LNA, nè sui gruppi armati affiliati al Governo responsabili del traffico di esseri umani. A tal proposito, è opportuno ricordare che Abd al-Rahman al Milad, il trafficante che ha minacciato i giornalisti italiani, meglio noto come Bija, è apparso in alcuni video a fianco delle cosidette forze armate del Governo di Accordo Nazionale.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: