Osama al-Juwaili: “Mitiga bombardato da ordigni USA”

Di Ali Ahmed.

Il comandante della sala operativa della regione occidentale, Osama al-Juwaili, incaricato dal premier di Tripoli, Fayez al-Serraj, ha rilasciato un comunicato relativo al bombardamento del Mitiga International Airport del 22 ottobre alle 2,15. “Le indagini mostrano che le bombe utilizzate nel raid aereo sono state prodotte negli Stati Uniti e che l’aereo da guerra che ha effettuato l’attacco è probabilmente un jet da combattimento F-16” . Afferma la nota rilasciata la scorsa notte.

“Questo attacco è una chiara prova dell’intervento diretto delle parti che sostengono Haftar nella sua aggressione su Tripoli dopo che non sono riusciti a ottenere alcun progresso sul campo nonostante l’uso di mercenari da diversi paesi”, ha aggiunto la nota. Il comandante della regione centrale ha esortato la Missione di Sostegno delle Nazioni Unite in Libia (UNSMIL) a sostenere il governo legittimo in Libia.

Forze armate del Governo libico di Accordo Nazionale, riconosciuto dalle Nazioni Unite.

E’opportuno ricordare che l’aeroporto di Tripoli è stato chiuso a metà settembre per i continui raid e bombardamenti tra le milizie del Governo islamista di Tripoli e il Libyan National Army (LNA). I raid dell’LNA hanno preso di mira magazzini di armi e droni turchi, sottolineando che lo scalo civile viene utilizzato dai gruppi armati fuori controllo come sede logistica senza causare vittime. L’autorità aeroportuale ha dichiarato ieri di aver avviato i lavori di espansione dello scalo internazionale.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: