UNMAS fornisce attrezzature per la gestione degli incidenti sulla scena alla polizia forense libica

La polizia forense libica del ministero degli Interni del Governo di Accordo Nazionale (GNA) ha ricevuto quattro set di attrezzature specializzate per la gestione degli incidenti sulla scena di dispositivo (DSIM) per un’efficace gestione degli incidenti, finanziate dal governo del Canada, in una cerimonia tenutasi martedì presso la sede delle Nazioni Unite Missione di supporto in Libia (UNSMIL). Alla cerimonia hanno partecipato il rappresentante speciale del segretario generale (SRSG) Ghassan Salame, il servizio di azione contro le mine delle Nazioni Unite (UNMAS) e i funzionari dell’UNSMIL, nonché i rappresentanti della polizia forense libica. Ghassan Salame ha dichiarato alla cerimonia “questa assistenza è una prova che l’obiettivo e l’impegno delle Nazioni Unite nei confronti della Libia non sono cambiati. Sono particolarmente lieto di notare il ruolo cooperativo del generale di brigata Mahmoud Ashour e per aver contribuito a rendere ulteriori progressi nella promozione della parità di genere nelle attività del settore della sicurezza”. Il generale Mahmoud Ashour, capo della polizia forense, da parte sua ha detto che “la polizia forense è un’organizzazione unificata in tutta la Libia. Queste attrezzature saranno utilizzate a beneficio di tutti i cittadini di tutta la Libia, indipendentemente dal loro orientamento politico. I set ricevuti verranno immediatamente distribuiti sul campo”. L’attrezzatura, fornita dall’UNMAS e finanziata dal governo canadese, svolgerà un ruolo importante nel sostenere il lavoro della polizia forense libica per rispondere agli incidenti che coinvolgono oggetti esplosivi, inclusi resti di guerra, in luoghi che sono sotto attacco. Ad aprile, 16 funzionari – maschi e femmine – hanno completato un corso di formazione sul DSIM, organizzato dall’UNMAS in Ucraina e finanziato generosamente dal governo del Canada. “Vorrei cogliere l’occasione per lodare l’UNMAS, l’UNSMIL e il Brig. Mahmoud Ashour per aver riconosciuto l’importanza di rafforzare il ruolo delle donne nella polizia forense”. Ha concluso Salamé.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: