L’Italia discute se sospendere gli accordi con la Libia

Di Vanessa Tomassini.

Roma, 26 giugno 2019 – Oggi alla Camera dei Deputati si discuterà la proroga delle missioni internazionali italiane, inclusa quella riguardante la Libia, per cui è prevedibile che molti deputati non voteranno a favore. La politica italiana, da sempre divisa sul file libico, ha adottato approcci differenti e discontinui  anche all’interno dello stesso partito democratico, che ha preceduto l’attuale Governo Conte. Dopo i recenti avvertimenti dell’Unione europea, le denunce di gravi violazioni dei diritti umani nei confronti dei migranti, nonchè l’evidente collaborazione tra i gruppi affiliati al Governo di Accordo Nazionale ed elementi estremisti, nonchè con ricercati internazionali, oggi il parlamento italiano potrebbe decidere di sospendere gli accordi con la Libia, in termini di cooperazione nella gestione dei flussi migratori. Una fonte della Farnesina, ha rivelato a Speciale Libia, che anche la collaborazione con il Governo di Accordo Nazionale, in termine di aiuti alla popolazione è stata sospesa. “Perchè ci siamo resi conto che gli aiuti predisposti in passato non hanno raggiunto la popolazione libica”. Ha detto il funzionario, aggiungendo che l’Italia sta discutendo su come continuare a fornire supporto al popolo libico attraverso altri canali, come ad esempio le agenzie delle Nazioni Unite. In questo contesto, venerdì 28 giugno, alle ore 14.30, alla Farnesina, il Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Enzo Moavero Milanesi, avrà una riunione con il Rappresentante Speciale del Segretario Generale delle Nazioni Unite per la Libia, Ghassan Salamé. Al termine del quale, è previsto un punto stampa congiunto.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: