Consiglio di Sicurezza Onu. Salamé: “La Libia ha raggiunto un momento cruciale”

A cura di Vanessa Tomassini.

“Sarei voluto essere a New York e avere l’opportunità di informarvi di persona. Tuttavia, non è esagerato affermare che la situazione in Libia ha raggiunto un momento cruciale. Stiamo lavorando per evitare che i recenti sviluppi e le tensioni sul campo aumentino, e ruotino invece verso la stabilità e un patto politico che consenta la fine della crisi nel paese”. Ha aperto così il suo briefing al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite presieduto dalla Francia, il Rappresentante Speciale del Segretario Generale, Ghassan Salamé. “Il 13 gennaio, le forze del generale Haftar sono entrate pacificamente in Sabha – ha ricordato, aggiungendo che – mentre ci sono stati alcuni incidenti minori, l’arrivo delle forze di Haftar è stato generalmente percepito come uno sviluppo positivo e stabilizzante. Quando queste forze si spostarono per prendere il controllo di Murzuq nel sud-ovest, c’è stata un’opposizione attiva dalla comunità Tebu e dai gruppi armati affiliati. Nei combattimenti e negli attacchi di vendetta nel periodo immediatamente successivo, almeno 18 residenti di Murzuq sono stati uccisi e altri 29 feriti. Sono state riportate novanta case bruciate in attacchi vendicativi da parte delle forze tribali sotto il comando LNA. Mentre l’LNA ha portato una grande misura di sicurezza e stabilità al Sud che ha permesso alla banca parallela a est di consegnare banconote a Sabha, non è chiaro per quanto tempo la campagna possa essere sostenuta, date le lunghe linee di rifornimento e le limitate risorse finanziarie del governo parallelo”.

Sirte e Misurata

Per quanto concerne i movimenti nel distretto della Sirte, Salamè ha detto che “ci sono state alcune mobilitazioni delle forze LNA a Jufra e la direzione delle pattuglie verso Sirte. Ciò ha causato attriti e un aumento delle tensioni con le forze della città di Misurata che rimangono posizionate a Sirte dopo le loro operazioni anti-ISIS”. 

Derna

In Oriente, i combattimenti a Derna sono terminati. L’inviato si è detto profondamente preoccupato per le segnalazioni di violazioni dei diritti umani e del diritto umanitario durante le recenti operazioni militari a Derna. Secondo quanto riferito, i combattimenti hanno provocato molte vittime civili. 

Tripolitania

“Nell’ovest del paese – prosegue Salamé – le forze locali si sono mobilitate in risposta alle attuali tensioni. Finora, tali mobilitazioni locali sembrano essere manifestazioni di forza e nessun partito appare pronto a lanciare un attacco imminente contro un altro. Ma c’è il rischio reale di errori di calcolo o di forze estremiste che iniziano le schermaglie nella speranza di trascinare gli altri in un confronto più ampio. Il cessate il fuoco di Tripoli continua a reggere, ma il piano dei piani di sicurezza Greater Tripoli rimane solo parzialmente attuato”.

Haftar e Serraj  

Salamè ha poi spiegato che “la Missione di Sostegno delle Nazioni Unite in Libia (UNSMIL) ha sostenuto due cicli di colloqui preparatori tra i consiglieri del primo ministro Serraj e del generale Haftar, svoltisi nei nostri uffici a Tunisi. Come risultato di questi colloqui, i due leader si sono incontrati ad Abu Dhabi e hanno accettato una serie di principi importanti: la Libia deve essere uno stato civile e democraticamente governato che gode di un pieno controllo civile dell’esercito e di una transizione pacifica del potere. Le parti hanno inoltre convenuto sulla necessità di unificare le istituzioni divise da lungo tempo della Libia e per la programmazione delle elezioni nazionali entro la fine dell’anno. Molti di questi principi non sono nuovi. In effetti, questi colloqui sono la continuazione del processo iniziato a settembre 2017″.

Le Nazioni Unite tornano a Bengasi

“Sono lieto di annunciare che l’hub delle Nazioni Unite a Bengasi è aperto ha detto il capo di UNSMIL aggiungendo che dopo mesi, lo staff delle Nazioni Unite è stato dispiegato a Bengasi per raggiungere meglio l’est del paese. Sono in corso discussioni per un ulteriore hub a Sabha per sostenere le operazioni nel sud del paese e i programmi delle Nazioni Unite hanno anche visitato Sabha per la prima volta da quando le operazioni sono state bloccate lì nel 2013″.  

Contrabbando e depredamento delle risorse

Il Rappresentante Speciale si è detto incoraggiato dalle azioni intraprese per combattere il contrabbando illegale. Il 7 febbraio il procuratore generale ha emesso oltre 100 mandati di arresto contro individui, accusati di coinvolgimento nel contrabbando e lo smaltimento illegale di carburante e ha ordinato la confisca di 115 stazioni di rifornimento. Questo contrabbando di carburante organizzato ammonta a oltre 750 milioni di dollari all’anno. Nel complesso, l’infrastruttura della Libia continua a deteriorarsi a un ritmo allarmante. I servizi di base, inclusi salute, acqua ed elettricità, stanno erodendo. La situazione della produzione di acqua è particolarmente fragile. Con quasi quattro pozzi disattivati ​​ogni mese, il ramo occidentale del fiume artificiale, che è il principale fornitore di acqua a nord-ovest, è in imminente pericolo di collasso. Il Piano di risposta umanitaria 2019 per la Libia è stato lanciato il 5 febbraio, alla ricerca di 200 milioni di dollari per continuare a fornire salute, protezione, acqua e riparo a oltre mezzo milione delle persone più vulnerabili in Libia. Si stima che 823.000 persone, inclusi migranti e 248.000 bambini, abbiano bisogno di assistenza umanitaria in Libia.  

Economia

La situazione dell’economia è mista. La riapertura del giacimento petrolifero di Sharara, per il quale l’ONU ha svolto un ruolo cruciale, ha comportato un aumento della produzione di petrolio che sta tornando a 1,2 milioni di barili al giorno. La commissione di cambio in valuta estera, in combinazione con la liberalizzazione dell’opportunità di acquistare valuta estera, continua a generare entrate e a rafforzare il Dinaro. Ciò ha aumentato il potere d’acquisto e ridotto l’inflazione e la redditività del mercato nero per la valuta. Anche se importanti, questi benefici possono essere di breve durata senza autentiche riforme economiche. “Tali riforme – ha aggiunto Salamé – richiedono una diretta svalutazione della moneta e l’abolizione di sussidi che consumano quasi il 10% del bilancio nazionale. Lavorando con i due rami della Banca centrale della Libia, inizierà presto il processo di revisione dell’audit nazionale”.  

Conferenza Nazionale: successo o conflitto

La conferenza nazionale si terrà dal 14 al 16 aprile in Libia. Rappresenta un’opportunità fondamentale per porre fine al periodo di transizione, iniziato otto anni fa. In vista della Conferenza nazionale, stiamo lavorando con molte parti per garantire il più ampio consenso possibile al processo politico. Ciò che è chiaro è che il popolo libico desidera ardentemente che le loro istituzioni siano unite il più presto possibile. Sfortunatamente, si scontrano con i poteri forti, che hanno materialmente approfittato del caos e della divisione del paese e sono quindi riluttanti a lavorare per un’unificazione. “C’è molto in gioco. Se l’opportunità presentata dalla Conferenza nazionale non viene colta, ci troveremo di fronte solo a due possibili opzioni: stallo prolungato o conflitto. Questo stallo può anche portare a conflitti. Oppure il conflitto potrebbe esplodere molto prima. Un fallimento ora nel far progredire il processo politico dimostra assolutamente che il paese è totalmente controllato dalla forza delle armi. Ma oggi, abbiamo la possibilità di fare un passo indietro dal bordo di questo precipizio. La Conferenza nazionale offre un’opportunità cruciale per tutte le parti, senza esclusione, di mettere da parte le loro divergenze per il bene del paese, di unirsi, di evitare la guerra e di scegliere un percorso di pace e prosperità. La Conferenza nazionale sceglierà se approvare la Carta nazionale che è stata il prodotto del processo consultivo della Conferenza nazionale. Traccerà inoltre una tabella di marcia per la conclusione del periodo di transizione: attraverso elezioni parlamentari e presidenziali simultanee, o attraverso elezioni graduali. Fornirà raccomandazioni su come affrontare la bozza di Costituzione prodotta dall’Assemblea di redazione costituzionale”.  

Annunci

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: