Aguila Saleh chiede a Mosca la formazione dell’esercito nazionale

Il presidente della Camera dei Rappresentanti, Aguila Saleh Issa, è partito ieri da Tobruk verso Mosca, dove ha è stato ricevuto da Vyacheslav Volodin, il presidente della Duma di Stato russa dal 5 ottobre del 2016. A termine dell’incontro, la guida del parlamento orientale libico ha fatto sapere che le forze dell’esercito nazionale, il Libyan National Army guidato dal federmaresciallo Khalifa Haftar, ha bisogno di programmi di formazione e training del Cremlino, soprattutto in materia di lotta al terrorismo e alla criminalità organizzata. Durante il vertice, Saleh ha sottolineato che la formazione dei membri dell’esercito e lo sviluppo delle loro capacità militari avrebbero un impatto positivo sulla sicurezza e sulla stabilità del paese, ribadendo la necessità del contributo russo nella ricostruzione, nonchè delle notevoli opportunità per Mosca di investire nel settore petrolifero e nella realizzazione di infrastrutture in Libia. Secondo fonti della Camera dei Rappresentanti, Saleh e Volodin avrebbero raggiunto un accordo che prevede il rafforzamento dei rapporti bilaterali e maggiori contatti tra la Duma e i membri della Camera di Tobruk. E’ bene ricordare che il presidente Aguila Saleh è stato inserito nelle liste sanzionatorie dell’Unione europea dal primo aprile 2016 e recentemente rinnovate fino al 2 aprile 2019. Le sanzioni prevedono il congelamento dei fondi e il divieto di viaggio in territorio europeo per aver ostacolato l’attuazione dell’Accordo Politico Libico (LPA) e la formazione di un governo di unità nazionale in Libia.

Annunci

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: