Misurata. La nave Nivin è pronta a riprendere il suo viaggio dopo lo sbarco dei migranti

Di Ali Ahmed.

Fonti dell’autorità portuale hanno confermato che la nave commerciale “Nivin” è pronta a lasciare in serata il porto di Misurata, dove era ferma da 12 giorni con 71 migranti a bordo, che si rifiutavano di scendere. Gli immigrati, inizialmente 78, erano stati recuperati in mare dallo staff del cargo la notte tra il 7 e l’8 novembre. Inutile ogni tentativo di mediazione, nei giorni scorsi era intervenuta anche una delegazione di diplomatici per convincere migranti e possibili rifugiati a scendere, senza alcun successo.

Non è chiaro come i clandestini, sui quali ora pende l’accusa di pirateria, siano riusciti a comunicare con i giornalisti, creando un caso mediatico. Sull’accaduto il ministro degli Affari Esteri libanese ha rilasciato una nota in cui conferma che martedì 20 novembre le forze di sicurezza libiche hanno fatto irruzione sulla motonave costringendo i migranti a scendere. La situazione era divenuta incadescente, secondo il racconto dei presenti, dopo che i migranti avevano minacciato di dare fuoco all’imbarcazione.

La vicenda si è conclusa senza alcuna vittima, mentre alcune persone sono state condotte in ospedale per accertamenti. Il Ministero libanese ha anche espresso “gratitudine per l’ambasciatore in Libia, Mohammed Sakina, ed il capitano della nave, Bassam Sabat, per i loro sforzi che hanno contribuito a porre fine alla crisi”. Il Ministero degli Affari Esteri e degli Emigrati ha inoltre ringraziato tutte le autorità libiche, in particolare quelle di Misurata. La nave riprenderà il suo viaggio dopo aver riparato alcuni danni al quadro elettrico.

Annunci

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: