Youth Councils Forum, 16 priorità per i giovani libici

Di Vanessa Tomassini.

Lo scorso 30 ottobre si sono riuniti a Tripoli, presso l’Hotel al-Mahari, i Consigli giovanili di diverse città libiche con il supporto del Senato della Libia, per il primo “Youth Councils Forum”. Naseem Bin Halim, un giovane attivista laureato in chimica alla Facoltà di Scienze di Zliten, nel distretto di al-Murgub a circa 150 km da Tripoli, ed Ali Mihat, attivista ed ingegnere chimico presso l’Arabian Drilling Company, ci spiegano che l’obiettivo del Forum è quello di coinvolgere il maggior numero di giovani, come parte attiva fondamentale per la costruzione dello Stato. A termine del Forum i Consigli hanno elaborato 16 raccomandazioni, viste e condivise, come vere e proprie priorità da migliaia di ragazzi e ragazze. Naseem ed Ali ce le hanno riassunte così:

  1. La necessità di responsabilizzare i giovani all’interno delle istituzioni governative;
  2. Esortare i giovani a non scivolare nelle guerre;
  3. Efficace partecipazione al processo decisionale;
  4. Proporre idee per le piccole medie imprese (PMI) per sostenere i giovani;
  5. Diffondere la cultura positiva ed allontanarsi dai conflitti politici, dalla violenza, dall’estremismo, dal razzismo e dal tribalismo;
  6. Sostenere la formazione dei consigli giovanili in tutti i comuni della Libia;
  7. Rispetto dei diritti e delle libertà d’informazione, di espressione di opinioni e rispetto dei diversi punti di vista;
  8. Comunicare con i giovani rifugiati all’estero, valutare la possibilità del loro ritorno e la loro integrazione nei consigli giovanili;
  9. Unire gli sforzi di tutti i giovani all’interno dei comuni;
  10. Attenzione ai club giovanili per svuotare le energie dei ragazzi;
  11. Stabilire un fondo per sostenere progetti residenziali;
  12. Attenzione alle origini, alle tradizioni e al patrimonio culturale libico;
  13. Supportare i giovani nella formazione, nell’istruzione e nella creazione di posti di lavoro;
  14. Confermare la data e il luogo della prossima riunione alla conclusione di ciascun forum;
  15. Il coinvolgimento di uomini d’affari nell’interesse pubblico dei giovani;
  16. Il Senato della Libia sceglie un’élite di giovani per essere coinvolti nel cammino di riconciliazione nazionale per beneficiare delle loro esperienze.

Nell’augurare buona fortuna ai giovani libici, non ci resta che aspettare la data del prossimo forum!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: