UNSMIL condanna lo sgombero delle famiglie sfollate di Tawergha

La Missione di Supporto in Libia delle Nazioni Unite (UNSMIL) ha diffuso un comunicato in cui condanna fermamente lo sgombero forzato delle famiglie di Tawerghan sfollate dal campo di Tariq al-Matar questa mattina presto, lasciandoli senza casa per la seconda volta in sette anni. 

“Entrare in un campo di sfollati interni mentre la gente dorme, demolire le case e costringere le persone a fuggire, renderle senzatetto, viola la loro dignità e il loro diritto alla protezione ai sensi delle leggi internazionali sui diritti umani”, ha dichiarato il rappresentante speciale al Segretario generale delle Nazioni Unite in Libia , Ghassan Salame.

Il campo, che ospita circa 2.000 sfollati interni (IDP), è già stato al centro di un’irruzione durante la settimana da un apparato di sicurezza di Tripoli, provocando la detenzione di oltre 80 sfollati interni, tra cui quattro minorenni, accusati di attività criminali.

La Libia è obbligata a prevenire spostamenti, proteggere e assistere gli sfollati e identificare soluzioni durature. Le Nazioni Unite chiedono alle autorità di fornire riparo e protezione agli sfollati sfollati, rilasciare quelli arbitrariamente detenuti e portare coloro che sono sospettati di aver commesso crimini di giustizia senza indugio.

L’ONU è pronta a fornire assistenza umanitaria alle persone colpite e a lavorare con le autorità verso soluzioni sostenibili per tutti gli sfollati in Libia.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Annunci

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: