L’Italia smentisce la notizia di una base militare nel Sud

di Vanessa Tomassini.

L’ambasciatore d’Italia a Tripoli, Giuseppe Perrone, smentisce le voci circa l’istituzione di una base militare italiana nel Fezzan . “Le voci circa l’istituzione di una base militare nel sud della Libia sono semplicemente notizie false. Il Ministero degli Interni italiano sta conducendo il programma dell’Unione Europea volto a rafforzare la sovranità libica e le capacità delle guardie di frontiera per combattere i trafficanti di esseri umani. Inoltre è noto al pubblico da tempo…”. Ha twittato Perrone dal suo account personale.

Screenshot_20180630-131404_Twitter

Il programma Ue, a cui l’ambasciatore fa riferimento, si chiama “Supporto alla gestione integrata delle frontiere e della migrazione in Libia” ed ha un costo di 42 223 927 euro, di cui 2 231 256 euro finanziati dal Ministero dell’Interno italiano. Tra le varie attività, il programma prevede la conduzione di una missione di valutazione congiunta nel sud della Libia, in particolare nell’area di confine con il Niger, la più colpita da attraversamenti illegali, intorno alla capitale del distretto di Ghat nel Fezzan, regione della Libia sud-occidentale. Tale missione dovrebbe anche esplorare possibili strade per migliorare le condizioni economiche e sociali delle comunità locali, in modo che un’economia legale possa essere sviluppata come alternativa agli attuali profitti illegali derivanti dal contrabbando di migranti e dalla tratta di esseri umani.

Annunci

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: