Rapporto Onu: “pericolo costante dell’Isis nel sud della Libia”

Di Redazione.

Il rapporto del Segretario generale delle Nazioni Unite al Consiglio di Sicurezza del 21 gennaio afferma preoccupazione per la minaccia costante che l’ISIS continua a rappresentare per la sicurezza e la stabilità in Libia, in particolare nella regione meridionale.

Il rapporto afferma preoccupazione per la possibilità che la situazione della sicurezza nel sud della Libia “potrebbe deteriorarsi ulteriormente, consentendo all’organizzazione e ad altri gruppi estremisti violenti di espandere le proprie attività”.

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha affermato che, dopo l’uccisione del leader dell’organizzazione, Abu Bakr Al-Baghdadi, il 26 ottobre, l’emiro dell’organizzazione in Libia, Abdul Qadir Al-Najdi, ha annunciato la sua alleanza con il nuovo leader dell’ISIS, Abu Ibrahim al-Hashemi al-Quraishi.

Le Nazioni Unite hanno rilevato inoltre l’arresto da parte dell’esercito nazionale (LNA) e delle forze del Governo di Accordo Nazionale (GNA) a Sirte, di membri sospettati di appartenere all’ISIS lo scorso ottobre, che confermerebbe gli sforzi continui da parte del GNA e dell’LNA di colpire l’organizzazione.

Il rapporto ha anche ricordato che il Comando degli Stati Uniti in Africa (AFRICOM) ha dichiarato che almeno 43 elementi terroristi sono stati uccisi in quattro attacchi aerei nel sud della Libia lo scorso settembre, sottolineando che i raid sarebbero stati effettuati in coordinamento con il governo di Al-Wefaq.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: