Lancio del secondo forum sull’ambiente sotto gli auspici di NOC

La National Oil Corporation (NOC), Brega Petroleum Marketing Company (BPMC), Mellitah Oil and Gas Company (MOGCO) e Azzawiya Oil Refining Company (ARC) hanno lanciato il secondo Forum sull’ambiente, martedì 17 dicembre 2019, nella capitale Tripoli.

Il forum mira a rafforzare la cooperazione tra i settori petrolifero, industriale ed energetico nei servizi igienico-sanitari ambientali e a condividere le esperienze della NOC nella protezione dell’ambiente e nello sviluppo spaziale sostenibile. Il programma del forum include anche una mostra ambientale di una parte del lavoro ambientale svolto da NOC, nonché le diverse attrezzature e apparecchiature utilizzate dalle sue filiali per controllare l’inquinamento.

Durante il discorso di apertura del forum, Khaled Bukhtwa, direttore generale del Dipartimento per la salute, la sicurezza, l’ambiente e lo sviluppo sostenibile della NOC ha sottolineato la necessità di intensificare gli sforzi per promuovere il concetto di preservare l’ambiente e ridurre gli effetti dell’inquinamento ambientale. Ha anche discusso del ruolo svolto dal Dipartimento della salute, della sicurezza e dell’ambiente in relazione alla valutazione dell’impatto ambientale delle attività di esplorazione e produzione.

Durante il Forum, i partecipanti hanno tenuto diverse presentazioni sull’uso dei droni e del Sistema di informazione geografica (GIS) per rilevare l’inquinamento e hanno discusso dei modi per migliorare il ruolo dell’Autorità generale per l’ambiente, nonché altre questioni pertinenti.

I rappresentanti della NOC hanno presentato i risultati degli studi ambientali globali della regione di Wahat e dei programmi di lavoro stabiliti in base ai risultati dello studio, compresa l’installazione di attrezzature per il trattamento e l’iniezione di acqua prodotta in associazione con petrolio nel campo di Nafoura, il completamento della valutazione tecnica per l’acquisto e l’installazione di 9 unità di controllo dell’inquinamento atmosferico nella regione di Wahat, l’attuazione di progetti per raggiungere lo zero fuoco di gas dai campi intorno al distretto di Wahat, entro il 2022, nonchè gli studi per la progettazione di un impianto di smaltimento di rifiuti radioattivi. I partecipanti hanno anche discusso dei vari meccanismi disponibili per migliorare la situazione ambientale in tutti i settori industriali nel Paese nordafricano.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: