Principi etici per contrastare l’odio sui social network

In un seminario organizzato dalla Missione di Sostegno delle Nazioni Unite in Libia (UNSMIL) per contrastare i discorsi di odio, l’incitamento e la disinformazione attraverso i media libici, i partecipanti hanno concordato una serie di principi etici per promuovere il giornalismo etico e l’attivismo sui social media. Trenta partecipanti, tra cui giornalisti, attivisti per i diritti umani e della società civile, accademici dei media e influencer si sono incontrati per due giorni per discutere dei modi per limitare l’uso dei media e delle reti di social media nella promozione della violenza e dell’odio.

I partecipanti al seminario di due giorni, organizzato il 9-10 settembre a Tripoli dall’Unità di informazione e comunicazione pubblica dell’UNSMIL, hanno concordato 16 raccomandazioni come principi chiave per contrastare il discorso dell’odio, l’incitamento, la disinformazione e le voci. Le raccomandazioni mirano idealmente a evitare un’ulteriore frammentazione e divisione del tessuto sociale della Libia a seguito di discorsi di odio e incitamento.

La leadership dell’UNSMIL incoraggia gli sforzi per affrontare i discorsi di odio e le notizie false e prendere molto sul serio questo problema. Il Vice Rappresentante Speciale del Segretario Generale per gli Affari Politici, Stephanie Williams, ha partecipato alla sessione conclusiva dell’evento. Ha sottolineato l’impatto negativo del discorso di odio sulla società libica e sul processo politico. La signora Williams si è rivolta ai partecipanti: “Discorsi di odio, incitamento, voci, disinformazione e notizie false sono solo alcuni esempi dei prevalenti contenuti dei social media nel tuo paese che hanno devastato il già fragile tessuto sociale della Libia. Più a lungo continua, più sarà difficile per noi mediare un cessate il fuoco duraturo”.

“Accogliamo con favore e sosteniamo questo degno sforzo e speriamo che insieme saremo in grado di ripristinare il ruolo dei media come catalizzatore per la costruzione della pace in Libia”.

Le presentazioni includevano esempi di discorsi di odio ed estratti di notizie false da media locali e piattaforme di social media in Libia. Facebook ha anche partecipato a una sessione il primo giorno attraverso un collegamento video. I partecipanti sono stati introdotti agli ultimi feed di notizie e agli standard della community di Facebook, comprese le scorciatoie per la segnalazione di contenuti inappropriati che incitano all’odio e alla violenza.

Questo seminario sarà seguito da eventi simili per coinvolgere tutti gli attori nello spazio mediatico di varie parti della Libia, al fine di concordare, come urgente necessità, un codice di condotta per i media. Questi sforzi sono progettati per integrare gli sforzi diplomatici in corso per rilanciare il processo politico. L’UNSMIL spera che questa sarà un’opportunità per tutti i professionisti dei media in Libia di unirsi contro l’odio, l’incitamento e la disinformazione, che minacciano la ricerca della pace sociale da parte dei libici.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: