OMS:”Attacchi ripetuti” potrebbero chiudere l’ospedale chiave nella parte orientale della Libia

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha condannato con fermezza un attacco armato nell’ospedale di Al Jala, nella seconda città più grande di Libia, a Bengasi, che ha avuto luogo martedì, avvertendo che ulteriori assalti potrebbero bloccare la struttura chiave. Anche se nessuno è stato ucciso, l’OMS ha detto che c’era stato il panico tra i pazienti e gli operatori sanitari all’interno dell’ospedale, e sono staati riportati danni alle infrastrutture e agli edifici. Secondo fonti locali, gli assalitori armati non identificati sono entrati nell’edificio, facendo irruzione nella sezione di terapia intensiva, danneggiando alcune attrezzature in uno scambio di spari. Se ne sono andati senza causare feriti. L’ospedale traumatologico sta già lottando per le risorse e soffre della mancanza di forniture mediche. L’attacco segna l’ultimo episodio di un’ondata di attacchi da parte di gruppi armati nella zona orientale del paese negli ultimi mesi, spingendo la volatile città a rimanere in uno stato di massima allerta. A novembre, i combattimenti tra milizie armate hanno causato danni a un ospedale di ginecologia ed ostetricia nella capitale, Tripoli. Un medico è stato colpito e l’incidente ha portato a una sospensione di tre giorni per i servizi medici non di emergenza.

La Missione di Supporto delle Nazioni Unite in Libia (UNSMIL) ha risposto in una dichiarazione sottolineando che il sistema sanitario nazionale “è già sotto-risorse e sovraccarico, questi attacchi costano vite di pazienti e personale innocente allo stesso modo”. Riprendendo l’avvertimento, l’OMS ha detto giovedì in risposta all’attacco di Bengasi contro la struttura di Al Jala che “ripetuti attacchi porteranno alla chiusura di questo importante ospedale, si aggiungeranno alle sofferenze della popolazione libica e priveranno ulteriormente l’accesso già limitato alle cure mediche. L’agenzia sanitaria globale delle Nazioni Unite ha esortato tutte le parti a rispettare il diritto umanitario internazionale, la sicurezza e la neutralità degli operatori sanitari e delle strutture in cui operano. Tali tragedie dovrebbero essere evitate “adottando tutte le misure precauzionali necessarie”, ha dichiarato l’OMS, “ei responsabili devono essere assicurati alla giustizia”. Secondo gli ultimi dati dell’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, UNHCR , Bengasi ospita il maggior numero di sfollati di tutto il paese, con 26.800 abitanti nella città e nei suoi dintorni. 189.000 rimpatriati sono tornati in città e nelle aree circostanti, dal rovesciamento dell’ex governatore Muammar Al-Gheddafi, nel 2011. Da allora, il paese è stato distrutto dalla divisione e dalla crisi economica.

Annunci

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: