Sala Operativa di Sirte si muove per proteggere la Mezzaluna petrolifera

Di Ali Ahmed.

La Sala Operativa della Grande Sirte, sotto l’egida del comandante Salem Al-Derayak, sta perlustrando la zona a sud della Mezzaluna petrolifera, che affaccia nel Golfo della Sirte, dopo l’allarme di un nuovo attacco da parte di gruppi islamisti. Mercoledì la Sala Operativa, facente capo al Libyan National Army, aveva registrato movimenti sospetti di gruppi armati, probabilmente ricollegabili all’ex capo delle Petroleum Facility Guards già inserito nelle liste sanzionatorie dell’Onu, Ibrahim Jadhran, e al movimento terroristico della Saraya Defend Bengasi, nonchè di combattenti dell’opposizione chadiana che hanno fatto del profondo deserto libico la loro base. Il 276mo reggimento della 73ma brigata di fanteria, guidato dal brigadiere Ali Al-Qatani, insieme alla brigata 106 e diverse unità della Sicurezza di Sirte stanno perlustrando la zona desertica a sud dei terminali petroliferi. E’ opportuno ricordare che il 14 giugno la Mezzaluna del petrolio libico è stata soggetta ad un attacco su 3 assi, condotto da Jadhran e i suoi fedelissimi, in una operazione congiunta probabilmente supportata da attori esterni.

Annunci

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: