Esclusiva. A Sirte i Gheddafi rifiutano la riconciliazione, “ridateci il corpo di Muammar”

Di Vanessa Tomassini.

Venerdì 30 novembre la tribù Gheddafi a Sirte ha espulso una delegazione di dignitari provenienti dalla regione orientale della Libia per cercare di raggiungere una riconciliazione. “La delegazione – afferma un giovane appartenente alla famiglia Gheddafi – comprendeva rappresentanti delle tribù che hanno partecipato a rovesciare il colonnello Muammar Gheddafi nel 2011. Sono venuti qui a Sirte, nell’area di Abu Hadi dove nacque Muammar, nella Valle di Garif, ma i giovani Qadhafeh hanno rifiutato la pace e li hanno rispediti a casa”.  Il motivo del rifiuto sarebbe il mancato raggiungimento di alcune condizioni fondamentali per qualsiasi accordo tra cui le più importanti: la consegna del corpo di Muammar Gheddafi affinchè possa avere degna sepoltura in Sirte, la rimozione del divieto politico per Saif al-Islam Gheddafi, il rilascio dei prigionieri e le scuse alla tribù Gheddafi. Finchè queste richieste non verranno soddisfatte, una riconciliazione sembra ancora troppo prematura.

Annunci

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: