UNSMIL: 40 vittime civili, 18 morti e 22 feriti a settembre

Di Unsmil.

Dal 1 settembre al 31 settembre 2018, la Missione di sostegno delle Nazioni Unite in Libia (UNSMIL) ha documentato 40 vittime civili – 18 morti e 22 feriti – durante la condotta delle ostilità in tutta la Libia. Le vittime includevano 14 uomini e quattro ragazzi uccisi e nove uomini, cinque donne, un ragazzo e una ragazza feriti. Il sesso di altri sei individui feriti non può essere determinato. Si ritiene che il numero effettivo di vittime civili sia più alto. L’UNSMIL continua a cercare di confermare ulteriori vittime civili nel corso delle ostilità in corso a Tripoli. La maggior parte delle vittime civili sono state causate da bombardamenti (otto morti e 16 feriti), seguiti da colpi di arma da fuoco (otto uccisi) e resti di guerra esplosivi (ERW, uno ucciso). La causa esatta di una morte e di altri sei feriti non è stata determinata.

UNSMIL ha riportato vittime civili documentate a Tripoli (16 morti e 22 feriti), Bengasi (uno ucciso) e Warshafana (uno ucciso). Altri 57 combattenti sono morti durante i combattimenti di Tripoli, mentre non è stato possibile accertare lo status civile di altri 12 morti. Ha documentato sette ulteriori perdite da altre possibili violazioni del diritto internazionale umanitario e violazioni o abusi del diritto internazionale sui diritti umani a Derna, Bengasi, Sabha e al-Zawiya.

Tripoli

I combattimenti tra gruppi armati con sede a Tripoli, da un lato, e il gruppo armato di al-Kaniyat, gruppo armato di al-Soumoud e i loro alleati, dall’altro, hanno causato la morte di almeno 15 civili e provocato 22 feriti civili durante il mese di Settembre, portando il numero totale di vittime civili dall’escalation dei combattimenti a Tripoli il 26 agosto a 34 morti e 23 feriti. L’uso di armi ad ampio impatto e fuoco indiscriminato ha causato la maggioranza delle vittime civili a Tripoli. Il 2 settembre, il campo di al-Fallah-2 che ospitava le famiglie di IDP di Tawerghan è stato bombardato, causando due morti e 15 feriti tra i residenti. Cinque donne e due bambini furono tra quelli feriti. Il 3 settembre un detenuto ha subito una ferita da schegge, quando il centro di detenzione Tariq al-Matar per i migranti sotto il controllo del Dipartimento per la lotta alla migrazione illegale è stato colpito da un fuoco incrociato. Il 4 settembre un accordo di cessate il fuoco tra le parti in conflitto è stato raggiunto sotto gli auspici dell’UNSMIL, e completato da un documento di consolidamento il 9 settembre, ha provocato una temporanea pausa nei combattimenti. Il 17 settembre, scontri armati sono ripresi nella periferia meridionale di Tripoli, aumentando il numero delle vittime civili. Dal 26 settembre, i combattimenti si sono nuovamente placati dopo che è stato raggiunto un accordo di riconciliazione tra i gruppi armati con sede a Tripoli e i gruppi armati con sede a Tarhouna. Il 4 settembre un accordo di cessate il fuoco tra le parti in conflitto è stato raggiunto sotto gli auspici dell’UNSMIL e completato da un documento di consolidamento il 9 settembre ha provocato una temporanea pausa nei combattimenti. Il 17 settembre, scontri armati sono ripresi nella periferia meridionale di Tripoli, aumentando il numero delle vittime civili. Dal 26 settembre, i combattimenti si sono nuovamente placati dopo che è stato raggiunto un accordo di riconciliazione tra i gruppi armati con sede a Tripoli e i gruppi armati con sede a Tarhouna. 

Il 10 settembre, un attacco complesso al quartier generale di Tripoli della National Oil Corporation (NOC) che prevedeva l’uso di colpi di arma da fuoco diretti, granate e detonazione di giubotti suicidi ha lasciato un impiegato del NOC morto e altri sei feriti. Durante l’attacco è stata anche uccisa una guardia di sicurezza.

Bengasi

Il 18 settembre, un ragazzo di 13 anni è stato ucciso quando un ERW è esploso davanti alla casa di un parente nel quartiere Ganfouda di Bengasi.

Warshafana

Almeno un ragazzo è stato ucciso durante gli scontri tra i gruppi armati con base a Zintan e Tripoli nell’area di Warsahfana dal 28 al 30 settembre.

Strutture civili

Il 18 settembre una stazione elettrica nel quartiere di Tripoli ad Abu Salim è stata danneggiata durante i combattimenti. 

A settembre, la compagnia petrolifera di Brega a Toliq al-Matar vicino a Tripoli è stata catturata nel fuoco incrociato a causa di danni materiali, inclusi i serbatoi di stoccaggio del petrolio.

Attribuzione

Il cosiddetto Stato islamico ha rivendicato la responsabilità dell’attacco del 10 settembre alla NOC sull’agenzia di stampa Amaq. 

Si ritiene che il Consiglio della Shura di Bengasi e gli alleati siano stati responsabili di aver lasciato mine ed ERW nelle zone di Bengasi che controllavano prima della loro ritirata.

Vittime da altre violazioni del diritto internazionale umanitario e violazioni o violazioni dei diritti umani

Il 10 settembre, il corpo di un membro dell’ingegneria militare dell’esercito nazionale libico è stato trovato nella periferia occidentale di Derna. L’uomo deceduto è stato spogliato in mutande e ha portato una ferita da arma da fuoco alla testa. Secondo i rapporti, prima della sua morte, ha ricevuto una telefonata su un’ordigno sospetto inesploso nella zona.

L’11 settembre un uomo ha riportato una ferita da arma da fuoco a Bengasi. La fonte di fuoco era sconosciuta e non ci sono stati scontri nelle vicinanze dell’incidente.

Il 12 settembre, il corpo di un uomo con segni di tortura è stato portato all’obitorio di al-Zawiya. Secondo quanto riferito, era scomparso giorni prima dalla sua città natale, Sabratha.

Il 20 settembre, uomini della tribù al-Qadhadhfa hanno sparato a un veicolo privato, quando non è riuscito a fermarsi a un posto di blocco improvvisato nel quartiere di Sabha, nel Manshiya, uccidendo l’autista, un uomo della tribù Awule Suleiman e un passeggero, una donna di Sub- Africa sahariana. I giorni precedenti l’incidente avevano assistito a scontri armati tra Awlad Suleiman e le forze tribali al-Qadhadhfa a Manshiya, causando numerosi morti e feriti tra i combattenti. 

Il 21 settembre, una bambina di quattro anni e un ragazzo di 13 anni sono stati feriti da proiettili vaganti in due separati incidenti nei quartieri di Bengasi di al-Wehishi e al-Majuri, rispettivamente. Non ci sono stati scontri nelle vicinanze al momento degli incidenti.  

Annunci

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: