Il ministro degli Interni Khaled Mazen ha incontrato le agenzie di sicurezza di Tripoli e Tajoura

Il ministro degli Interni della Libia nel Governo di Unità Nazionale, Khaled Mazen, ha discusso venerdì con il sindaco della municipalità di Tajoura, Khaled Al-Azraq, e il capo dei saggi e notabili di Tajoura Al-Hashemi Bannour, la situazione della sicurezza all’interno del comune e gli sforzi della Direzione della Sicurezza e dei servizi di sicurezza operanti nella regione.

Secondo una nota del Ministero degli Interni di Tripoli, all’incontro hanno partecipato numerosi notabili e saggi della regione, membri del consiglio comunale e il direttore della sicurezza di Tajoura, il brigadiere Salem Oreibi, accompagnati da alcuni ufficiali delle forze di sicurezza. L’incontro – afferma la stessa nota – ha esaminato i problemi di sicurezza e di servizio, nonchè le difficoltà che Tajoura si trova ad affrontare, nonchè i suggerimenti degli ufficiali per garantire una migliore fornitura di servizi ai cittadini.

Mazen ha riaffermato il sostegno della Direzione della sicurezza e del Dipartimento passaporti e traffico per fornire i migliori servizi ai cittadini, sottolineando la necessità di cooperazione e coordinamento tra tutte le agenzie, lo scambio di informazioni con la Camera principale comune e le agenzie militari e di sicurezza affiliate al Consiglio di Presidenza e il governo.

Mercoledì, il ministro Khaled Mazen aveva tenuto un incontro presso la sede della Direzione della sicurezza di Tripoli con i vertici delle agenzie di sicurezza e militari, in attuazione della decisione del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 113 del 2022 in materia di costituzione di una camera di sicurezza congiunta. In quell’occasione, Mazen ha sottolineato l’instaurazione della fiducia nello svolgimento del lavoro di sicurezza e lo scambio di informazioni per mantenere la sicurezza e la stabilità, ascoltando le spiegazioni e le osservazioni dei presenti, i problemi e gli ostacoli che devono affrontare.

D’altra parte, il capo dell’Agenzia investigativa criminale ha indicato che c’è stata una notevole diminuzione del tasso di criminalità durante il mese sacro di Ramadan per i musulmani. Gli incontri hanno evidenziato la necessità di lavorare in uno spirito di squadra per tutti gli apparati di sicurezza, raddoppiando gli sforzi per prendere di mira e smantellare le bande criminali, nonché per mantenere la sicurezza dei cittadini. Le riunioni seguono alcuni incidenti di sicurezza nella capitale Tripoli all’inizio di questa settimana.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: