Salamè discute con Jinawi del ritorno al processo politico in Libia

Di Vanessa Tomassini.

Tunisi, 5 ottobre 2019 – Il rappresentante speciale del segretario generale delle Nazioni Unite in Libia, Ghassan Salamè, ha incontrato venerdì a Tunisi il ministro degli Esteri tunisino, Khamis al-Jinawi. Durante l’incontro, che si è tenuto presso il Ministero, i due hanno discusso degli ultimi sviluppi in Libia e gli sforzi compiuti dall’inviato delle Nazioni Unite per avvicinare i partiti libici e riprendere il processo politico sotto l’egida delle Nazioni Unite.

Il ministro ha ribadito il sostegno della Tunisia all’operato della Missione di Sostegno delle Nazioni Unite in Libia (UNSMIL) e del rappresentante, sforzi volti a raggiungere una soluzione politica globale della crisi libica, attraverso il piano d’azione dell’Onu. Jinawi ha ribadito la posizione della Tunisia che incoraggia i libici ad adottare il dialogo e il consenso come l’unica via d’uscita dalla crisi, in modo di fermare immediatamente i combattimenti e aderire alla soluzione politica. Il ministro ha sottolineato inoltre la centralità del fascicolo libico nell’agenda della diplomazia tunisina, che lo ha posto in cima alle sue priorità, considerando l’importanza del rapporto tra i due popoli fraterni, da un lato, e le ripercussioni dirette degli sviluppi in Libia in termini di sicurezza e stabilità in Tunisia e nella regione, dall’altro.

Jinawi ha confermato la disponibilità della Tunisia a contribuire attivamente a tutte le iniziative volte ad aiutare i fratelli libici a superare le loro differenze e a tornare al tavolo dei negoziati, in modo che possano dedicarsi allo sviluppo e a costruire le loro istituzioni nazionali. Ha inoltre informato l’inviato delle Nazioni Unite sui contenuti della sua riunione di giovedì con gli ambasciatori dei membri permanenti del Consiglio di sicurezza accreditati in Tunisia, rivelando l’intenzione di Tunisi di unirsi al Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite come membro non permanente a partire dal primo gennaio prossimo. Jinawi ha fatto appello a fermare le interferenze straniere respingendo qualsiasi soluzione militare alla crisi.

Salamè da parte sua ha elogiato gli sforzi della Tunisia per avvicinare i partiti libici esortandoli ad adottare il dialogo e negoziare una soluzione politica alla crisi.


Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: