Serraj incontra i sindaci

Il presidente del Consiglio del Governo di Accordo Nazionale, Fayez Al-Sarraj, ha tenuto colloqui giovedì con le forze politiche locali, al fine di raggiungere una visione comune circa l’attuale crisi e le questioni della Libia in generale. Il presidente all’inizio della riunione, ha elogiato il ruolo svolto dai comuni, che non solo hanno fornito servizi ai cittadini, ma i loro funzionari hanno avuto un importante ruolo nazionale nel proteggere il fronte interno e contribuire efficacemente al corso del dialogo politico.

Serraj ha affermato che i consigli comunali, che godono della fiducia del popolo e sono passati attraverso le urne, sono una dimostrazione pratica dell’inizio dell’incarnazione della pista democratica sul terreno, che non può essere saltata, e sarà completata con le elezioni legislative e presidenziali nel quadro dello stato civile.

“La situazione generale non può tollerare più manovre, stranezze e aste politiche. Dobbiamo essere tutti storicamente responsabili e reagire positivamente e onestamente per mettere in salvo il nostro Paese”, ha affermato il premier che ha sottolineato come le riunioni di consultazione in sé sono ponti che continuano a ricollegare ciò che è stato interrotto e creano fiducia tra le varie tendenze politiche per raggiungere un consenso che consentirà alla Libia di superare l’attuale crisi.

Serraj tuttavia ha anche reso omaggio ai coraggiosi combattenti che difendono la capitale, i principi della democrazia e della civiltà dello stato, chiedendo “misericordia” per i martiri e i feriti ai quali ha augurato una pronta guarigione. I sindaci e dignitari hanno discusso gli ultimi sviluppi della crisi e su come affrontarla, confrontandosi sulle possibili modalità per uscirne con le minori perdite sviluppando una visione futura che non trascuri le esperienze e le lezioni apprese.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: