La Municipalità di Bengasi sostiene Bashagha nuovo premier designato

La Municipalità di Bengasi ha annunciato il proprio sostegno al nuovo governo approvato dalla Camera dei Rappresentanti (HoR), invitando la comunità internazionale e la Missione di supporto delle Nazioni Unite in Libia (UNSMIL) a rispettare la loro promessa di non interferire negli affari interni libici. In una dichiarazione, il comune ha accolto con favore l’approvazione da parte del Parlamento di una “nuova tabella di marcia che porta allo svolgimento di elezioni presidenziali e parlamentari dopo 14 mesi”.

La Municipalità ha anche avvertito quelli che ha definito “i cospiratori” che il popolo libico non starà inerte davanti ai loro complotti e ha sottolineato l’unità della Libia e del suo popolo da nord a sud, da est a ovest.

A sua volta, Dabaiba ha dichiarato in un’intervista televisiva, trasmessa giovedì sera, mentre Bashagha arrivava all’aeroporto di Mitiga per una conferenza stampa, che il Governo di Unità Nazionale sta ancora esercitando il suo lavoro secondo i tempi previsti dalla road map approvata dal Libyan Political Dialogue Forum. Dabeibah ha aggiunto che il Consiglio di Presidenza è colui che ha il diritto di cambiare il governo di unità nazionale secondo la road map di Ginevra, ritenendo che quanto accaduto alla Camera dei Rappresentanti è una violazione esplicita della competenza del Consiglio di Presidenza.

Dabaibah ha ribadito la sua precedente affermazione che avrebbe ceduto il potere a un’autorità eletta del popolo libico, ribadendo che l’obiettivo dell’accordo politico e della road map è raggiungere le elezioni, e la road map approvata prevede che il governo si conclude con il Consiglio di Presidenza al momento delle elezioni.

Durante il suo discorso ai giornalisti presso la hall dell’aeroporto di Mitiga, Bashagha da parte sua ha dichiarato: “il prossimo governo sarà di tutti e per tutti. Tendiamo le mani a tutti, nessuno escluso.” Ha inoltre ringraziato il Governo di Unità Nazionale guidato da Abdul Hamid al-Dabaibah, auspicando che questo aderirà ai principi di democrazia attraverso un pacifico passaggio di consegne.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: