UNHCR chiede la fine degli arresti di richiedenti asilo in Libia e la ripresa urgente dei voli umanitari

“Siamo sempre più allarmati per la situazione umanitaria di richiedenti asilo e rifugiati in Libia. A seguito di un’operazione di sicurezza su larga scala da parte delle autorità libiche la scorsa settimana, si sono verificati arresti e raid in molte parti di Tripoli, che hanno preso di mira le aree in cui vivono richiedenti asilo e migranti”. Ha dichiarato venerdì 8 ottobre Ayman Gharaibeh, Direttore dell’Ufficio regionale dell’UNHCR per il Medio Oriente e il Nord Africa.

UNHCR ha confermato che “almeno una persona è stata uccisa e 15 sono rimaste ferite. Più di 5.000 persone sono state arrestate e trattenute in diversi centri di detenzione in condizioni di sovraffollamento e insalubri. Tra questi ce ne sono molti a cui era stata data la priorità per i voli di evacuazione o di reinsediamento fuori dalla Libia“.

Secondo UNHCR, “i raid – che hanno comportato anche la demolizione di molti edifici incompiuti e case di fortuna – hanno creato panico e paura diffusi tra richiedenti asilo e rifugiati nella capitale. Molti, compresi i bambini non accompagnati e le giovani madri, che hanno perso i loro rifugi e sono ora senzatetto, si sono rivolti al personale dell’UNHCR e ai partner del Community Day Centre (CDC) per assistenza urgente”.

“A seguito delle incursioni e del deterioramento delle condizioni, abbiamo assistito a folle crescenti di richiedenti asilo che protestavano davanti al CDC a Tripoli, chiedendo l’evacuazione dalla Libia e il reinsediamento. All’inizio della crisi, l’UNHCR ei suoi partner sono stati in grado di fornire assistenza ai richiedenti asilo, compresi cibo, altri beni di prima necessità e denaro di emergenza”. Prosegue Ayman Gharaibeh, indicando che “negli ultimi giorni, l’escalation delle tensioni tra la folla, che ha provocato il ferimento di due membri dello staff partner, e l’impedimento dell’accesso ad altri richiedenti asilo che hanno urgente bisogno di aiuto, ci ha spinto a sospendere temporaneamente i servizi regolari presso il centro”.

UNHCR continua a “chiedere alle autorità di rispettare in ogni momento i diritti umani e la dignità dei richiedenti asilo e dei rifugiati, fermare i loro arresti e rilasciare i detenuti, compresi quelli che avrebbero dovuto partire con i voli di evacuazione e reinsediamento. Rinnoviamo il nostro appello alle autorità libiche affinché consentano la ripresa dei voli umanitari fuori dal Paese, sospesi da quasi un anno”.

La sospensione dei voli umanitari – ha aggiunto Gharaibeh – ha portato diversi paesi di reinsediamento a informare l’UNHCR che non possono più ricevere ulteriori richieste di reinsediamento dalla Libia per il 2021. Ciò comporterà la perdita di 162 posti sui voli di reinsediamento diretti dalla Libia. In totale, si prevede che quasi 1.000 posti di reinsediamento non saranno occupati né dalla Libia né attraverso i meccanismi di transito di emergenza (ETM) in Ruanda e Niger. L’ETM consente all’UNHCR di evacuare le persone fuori dalla Libia e quindi di elaborare le loro richieste per soluzioni a lungo termine. I voli sono stati un’ancora di salvezza per richiedenti asilo e rifugiati in Libia“.

%d