Dare nuova vita allo sviluppo sostenibile

Di Gerardo Noto, rappresentante residente dell’UNDP in Libia.

Fare sempre la stessa cosa e aspettarsi risultati diversi è ciò che Albert Einstein chiamava follia. Rifiutò di credere nell’imprevedibilità intrinseca del mondo. Il mondo subatomico è pazzo o semplicemente sottile? Si chiese. Ciò che ha definito follia può giustamente applicarsi ad alcuni approcci ripetitivi per promuovere lo sviluppo. Supportiamo i governi a presentare nuove normative, ma il più delle volte il divario tra regole e realtà non si chiude e le persone non beneficiano dei cambiamenti. Riabilitiamo le scuole ma i tassi di alfabetizzazione non aumentano necessariamente. Costruiamo ospedali ma ci sono ancora persone che muoiono per malattie prevenibili e curabili.

Abbiamo imparato che ci sono troppe iniziative di sviluppo, sebbene ben intenzionate, che hanno un impatto modesto sulla vita delle persone. Ormai non è chiaro che per fare la differenza nel campo dello sviluppo dovremmo andare oltre al fatto di ripetere le stesse azioni e aspettarsi risultati diversi?

Vedi la vita come dovrebbe essere

Direi che forse siamo stati troppo sani di mente, prendendo le parole di Miguel de Cervantes Saavedra, autore di “Don Quijote”, quando disse che “Troppa sanità mentale può essere la peggiore delle cose pazze. Vedi la vita com’è e non come dovrebbe essere.”

Il concetto di “follia”, “pazzia” o “insania” è ambivalente come può essere dimostrato dalla sua evoluzione nel corso della storia. La follia ha una connotazione negativa. Era collegato alle influenze soprannaturali e demoniache nei tempi antichi. Alla fine del XIX secolo, la follia iniziò a essere concepita come un comportamento posizionato contro le norme sociali. Oggi la follia è stata riconosciuta come una qualità indispensabile di genio e saggio. Le persone rilevanti come lo studioso persiano Muhammad ibn Musa Al-Khwarizmi, Edgar Allan Poe, Charles Darwin, Marie Curie o Leonardo da Vinci, furono chiamati pazzi ai loro tempi.

L’UNDP è stato fondato nel 1965 per aiutare i paesi a eliminare la povertà e raggiungere uno sviluppo umano sostenibile. Un’idea folle, vero?

Opportunità per tutti

L’UNDP ha sempre immaginato la vita come dovrebbe essere piena di opportunità per tutti, donne, uomini, bambini e generazioni a venire. Abbiamo aiutato i paesi a sviluppare politiche, capacità di leadership, capacità di partenariato, capacità istituzionali e raggiungere una crescita economica inclusiva e l’uguaglianza.

Viviamo in un’epoca in cui le nostre vite sono profondamente modellate dalle tecnologie dell’informazione e della comunicazione. La società umana è cambiata radicalmente in modi difficilmente immaginabili alcuni anni fa. Ci sono infinite nuove “folli” iniziative in tutto il mondo. Come amministratore dell’UNDP, Achim Steiner, sottolinea: “Abbiamo capito che l’UNDP deve attingere alle lezioni apprese nei settori dell’innovazione e dell’imprenditorialità per fornire un approccio più dinamico all’accelerazione dell’attuazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile”.

Nuova vita per lo sviluppo sostenibile

I 60 UNDP Accelerator Labs sono il nostro modo di diventare “pazzi” per dare nuova vita allo sviluppo sostenibile.

In Libia, un altro tipo di follia punisce la gente da molto tempo. Dopo promettenti cambiamenti nel 2011, divisioni e violenze hanno intrappolato il paese in un conflitto prolungato che impedisce loro di avanzare su un percorso di sviluppo che realizza il fantastico potenziale della sua gente e delle sue risorse.

Lo sviluppo sostenibile può sembrare un sogno irraggiungibile. Troppe vite sono state sacrificate alla guerra. Troppi sono stati sfollati. Troppi migranti hanno subito sfruttamento e abusi o sono morti in mare. Le donne sono state pesantemente gravate dalle conseguenze della guerra, hanno subito violenze e altre violazioni dei diritti umani. Ai bambini è stata negata un’istruzione di qualità. Le persone non hanno ricevuto servizi sanitari gravemente necessari.

Prendendo un altro percorso

In Libia dell’UNDP, riteniamo che sia possibile un altro percorso. Ci sono persone impegnate e dinamiche pronte e desiderose di costruire un futuro diverso. Abbiamo scelto la “follia geniale” per consentire alle persone innovative di cercare modi per risolvere i problemi di sviluppo. L’Accelerator Lab in Libia è stato progettato come catalizzatore di sviluppo.

Il breve ciclo di sperimentazione ed espansione di idee di successo consentirà agli innovatori di apprendere rapidamente da successi e fallimenti.

Abbiamo già creato una squadra all’interno dell’ufficio del paese. Dopo un intenso bootcamp, in cui il team è stato esposto alle tecniche e agli strumenti più efficaci, sono tornati in Libia per implementare le loro idee. La nostra priorità per i prossimi 100 giorni è la gestione dei rifiuti solidi, un problema significativo nella vita di tutti i giorni.

L’UNDP Libya Accelerator Lab riunirà le organizzazioni locali e le società private desiderose di lavorare con le loro comunità e istituzioni governative che necessitano di supporto nell’attuazione di politiche per affrontare sfide come la gestione dei rifiuti solidi. Proveranno le loro idee con l’aiuto dell’UNDP e dei loro partner.

Provare qualcos’altro

A causa dei conflitti che la Libia ha vissuto dal 2011, la maggior parte delle iniziative di sviluppo che sono state attuate nel paese miravano a resistere alle menomazioni della guerra. Ora stiamo provando qualcos’altro.

Potrebbero chiamarci pazzi, ma solo la follia può fare la differenza. Come disse William Blake, “Se il pazzo persistesse nella sua follia, diventerebbe saggio”. Ci stiamo unendo al mondo che sta impazzendo, come molti dicono, per contribuire alla pace, alla stabilità e ad un futuro migliore in Libia. Speriamo che presto le persone guardino ai nostri sforzi “folli” come un piccolo colpo di genio.

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: