Giornata Internazionale della Pace, ma non per Tripoli: solo ieri 11 morti e 33 feriti

Di Vanessa Tomassini.

Il 21 settembre di ogni anno si celebra la Giornata Internazionale della Pace. Il 30 novembre del 1981 l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite dichiarò, nella risoluzione 36/67, che il Giorno sarebbe stato osservato il terzo giovedì di settembre come momento di pace e non violenza, invitando tutte le potenze a cessare qualsiasi ostilità. Dal 2002 le Nazioni Unite scelsero la data del 21 settembre per commemorare il giorno internazionale del cessate il fuoco. Sfortunatamente questa regola non vale per la capitale della Libia, Tripoli, dove da ieri assistiamo ad una recrudescenza degli scontri tra i vari gruppi armati che sono proseguiti, ad intermittenza, anche nella notte. Giovedì la compagnia petrolifera Brega Marketing Company ha denunciato che i suoi uffici nella zona dell’areoporto sono stati colpiti da nuovi missili. “Il 19 settembre – ha detto la compagnia – un razzo è caduto nel cortile del palazzo degli affari finanziari, provocando incendi dietro alle mura del magazzino, nonchè diversi danni finanziari per la società”. Ha poi aggiunto che il 20 settembre, alle 11,35 del mattino, un nuovo missile ha colpito gli uffici della direzione vendite.

IMG_20180921_053543
Foto dall’alto di una delle aree degli scontri, progetto dell’altopiano agricolo

Secondo il ministero della Salute del Governo di Accordo Nazionale, il bilancio delle vittime per gli scontri nella sola giornata di giovedì è di 11 morti di cui 8 civili e 33 feriti, una persona è ancora dispersa. Così il bilancio dal 27 agosto ad oggi sale a 96 morti, 306 feriti gravi e 138 feriti lievi, 17 sarebbe il numero delle persone scomparse. Nella notte fonti locali hanno riferito che 4 razzi sono stati lanciati contro il campo “7aprile”, sede delle forze di sicurezza di Imad Trebelsi, incaricate dal Consiglio Presidenziale di intervenire per assicurare la pace. In serata, la situazione sembrava essersi stabilizzata, ma alle 2,00 del mattino i civili sono stati svegliati dal rumore di forti esplosioni. Va ricordato che l’intera area a Sud della capitale, oltre ad alcune zone del centro, sono rimaste ancora una volta senza elettricità per periodi prolungati.

IMG_20180921_093113
Bilancio delle vittime, 20 settembre 2018

Giovedì pomeriggio, la Commissione Nazionale per i Diritti Umani in Libia ha rilasciato una dichiarazione urgente facendo appello alle parti in conflitto di aprire corridoi umanitari per le squadre della Mezzaluna Rossa affinchè venissero messe in salvo le famiglie rimaste nella zona dell’areoporto, nella Spring Vallley, nell’altopiano agricolo, Khalet al Furjan ed Ain Zara. La Mezzaluna Rossa ha dichiarato di aver ricevuto solo ieri oltre 200 chiamate di emergenza, ma i mezzi di soccorso non sono riusciti a raggiungere tutte le famiglie, per il mancato rispetto della tregua sollecitata dalle Nazioni Unite. In particolare la Missione ONU in Libia ha lanciato un chiaro avvertimento alle brigate di Salah Badi, l’islamista di Misurata, e alle forze Ghnewa sotto il comando di AbdelGhani al-Kikli affinchè rispettino il cessate il fuoco e proteggano la vita dei civili. La Missione ha tenuto anche una riunione in video conferenza con la comunità diplomatica internazionale ed il capo del comitato di monitoraggio del cessate il fuoco, il Maggior Hussein Abdullah. Durante l’incontro, i diplomatici hanno espresso la loro disponibilità a facilitare le operazioni del comitato attraverso il sostegno logistico. L’ufficiale ha ribadito che il cessate il fuoco è lo step essenziale per stabilire sicurezza a Tripoli per tutti i libici, liberi da armi e milizie.

Annunci

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: